Alternanza con il lavoro:
coinvolti 1 milione e mezzo degli studenti del triennio

Quasi 1 milione e mezzo gli studenti che saranno coinvolti, per l’a.s. 2017/’18 nell’alternanza scuola-lavoro, coprogettato dalla scuola con altri soggetti e istituzioni e finalizzata ad offrire agli studenti occasioni formative di alto e profilo. Un virtuoso percorso che offre agli studenti l’opportunità di inserirsi, in periodi determinati, in contesti lavorativi adatti a stimolare la propria creatività. Rispetto al tirocinio e allo stage, è un progetto più strutturato e sistematico dotato di obbligatorietà, forte impegno organizzativo con un dispiego di esperienze all’interno di un triennio. Da sottolineare che lo studente in alternanza non è mai un lavoratore, ma apprende competenze coerenti con il percorso di studi Pur nella differenza dei ruoli e delle competenze, le scuole e il mondo del lavoro sono sollecitati ad interagire per una maggiore corresponsabilità educativa e sociale orientata alla valorizzazione delle aspirazioni degli studenti nell’ottica di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

www.miur.gov.itwww.istruzione.it


Uno scambio di esperienze e crescita reciproca

Numeri: dati regionali sul tema

I dati resi noti dal MIUR evidenziano che il 90,6% degli studenti delle classi terze (455.062 su 502.223) ha fatto esperienze di Alternanza. Considerando il totale degli studenti delle classi III, IV e V, quelli ad aver fatto Alternanza sono 652.641 su 1,4 milioni (pari a 45,7%). Tra le regioni dove più studenti hanno fatto Alternanza emergono in termini di peso percentuale: Marche (62,5%), Umbria (56,8%), Friuli (54, 1%) e Toscana (53,4%).


Opzioni

Numerosi percorsi anche all’estero

Alternanza Scuola-Lavoro anche all’estero. Questa l’opportunità offerta agli studenti dell’ultimo triennio degli Istituti tecnici, professionali e dei Licei grazie alla collaborazione tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Unioncamere, con il tramite di Assocamerestero. In virtù di questa intesa, infatti, le Camere di commercio italiane all’estero di 12 Paesi dell’Unione europea e della Turchia ospiteranno percorsi di Alternanza che verranno svolti dai ragazzi o presso le strutture camerali o, con il tutoraggio delle Camere italiane all’estero, presso imprese estere affiliate.