I vantaggi della vita
all’aria aperta per i bimbi prima del temuto “rientro”

Importante giocare fuori in tutte le stagioni

Sempre più spesso capita che i bambini restino in casa, davanti a computer e televisione e non abbiamo la possibilità di correre all’aria aperta. La bella stagione rende possibili tantissimi momenti ludico-didattici per loro, fuori dalle quattro mura casalinghe, ma è bene conservare queste buone abitudini anche con l’arrivo dei mesi più freddi, perché i vantaggi per la salute dei bambini sono tantissimi. Secondo uno studio della Optometry and vision science, i bambini che trascorrono più tempo fuori casa sviluppano infatti capacità visive migliori rispetto a chi gioca indoor. Il tempo passato all’aperto protegge dalla miopia ereditaria perché il nervo ottico è rafforzato dall’esposizione a luce di intensità diverse, a ombre e campi visivi che cambiano continuamente. Giocando nel parco in tutte le stagioni è possibile inoltre prevenire diabete e obesità, ma anche malanni stagionali. L’importante è scegliere per i bambini l’abbigliamento adatto alla temperatura e il momento della giornata meno freddo.

www.quotidiano.net


La concentrazione

La natura limita l’iperattività
Dalla socializzazione alla vitamina D

La vita “multischermo” che i bambini ormai inevitabilmente vivono, può essere bilanciata e combattuta grazie alla pratica di attività all’aria aperta: in questo modo infatti si riduce il disturbo da deficit di attenzione e iperattività tipico della nostra epoca, causato proprio dall’incapacità di concentrarsi su una cosa alla volta perché continuamente vittime di stimoli, anche non ricercati.
Il contatto con la natura e la voglia di esplorare sono fonti di continue scoperte ed emozioni che stimolano le capacità di concentrazione e di problem solving, e sono un’ottima soluzione terapeutica contro i disturbi dell’attenzione.