Occhi: un organo sensibile da salvaguardare al meglio
Qualche piccola indicazione

Meglio evitare le cattive abitudini

La vista è un bene prezioso ma sempre più a rischio. Per questo è necessario iniziare a prendersene cura fin dai banchi di scuola. Uno stile di vita corretto può già costituire un valido alleato per mantenere in salute i propri occhi. Effetti benefici derivanti dal gioco, e dallo stare fuori casa, sono validati da studi prestigiosi, ad esempio provenienti dall’Università di Cambridge. Il consiglio, quindi, è di far giocare i bambini e spingerli a uscire. Molte attività sportive e ricreative, ad esempio, implicano la messa a fuoco di punti distanti tra loro, un esercizio che mantiene l’occhio allenato. Una buona regola è anche quella di sottoporsi a visite specialistiche dall’oculista già a partire dalla giovane età e con cadenza periodica. In questo modo è possibile monitorare il benessere degli occhi e la capacità visiva nel tempo. Per quanto riguarda il problema della miopia, il disturbo è molto spesso ereditario, ma non bisogna sottovalutare le cattive abitudini. Ad esempio, attività come lo stare davanti al pc, dovrebbero essere alternate da pause piuttosto frequenti.

www.quotidiano.net


Da sapere

Gli indizi
relativi al calo della vista

Uno dei momenti della visita pediatrica è anche quello della misurazione della vista. Si tratta di una fase importante per riucire a comprendere eventuali cali della vista in bambini che possono essere anche piuttosto piccoli. Gli stessi genitori possono non accorgersi di lievi cali delal vista. Ecco qualche piccolo indizio che potrebbe suggerire di approfondire meglio la situazione: involontariamente, infatti, i piccoli lanciano segnali sfregando le sopracciglia o allontanano la testa per mettere a fuoco immagini e parole da vicino. Occorre sempre prestare attenzione.


Consigli

Così acquisti gli occhiali giusti

Sempre più diversificati e modaioli, gli occhiali non sono solo strumento indispensabile per chi ha qualche problema alla vista, ma anche un accessorio.
Farli “accettare” a bambini e ragazzi, quindi, è sempre meno difficile, ma qualche accorgimento può rendere la fase di scelta ancora più divertente e spensierata.
Se chi dovrà indossare gli occhiali è alla sua “prima volta”, è importante che possa esprimere la sua preferenza rigaurdo alla montatura. Il modello scelto dovrà essere comodo ma anche esteticamente piacevole, in base al gusto del ragazzo. E se proprio si vogliono evitare gli occhiali? A differenza di qualche tempo fa, è stato sfatato il mito secondo cui le lenti a contatto non vanno bene per i più piccoli. Per sapere se possono essere indossate davvero senza problemi, però, è sempre meglio interpellare il proprio medico di fiducia per far valutare il caso specifico.