Organizzazione e approfondimento?
Arrivano in soccorso le “app”

La tecnologia rende più soft l’impatto con compiti e lezioni

Il ritorno a scuola è sempre più hi-tech grazie alle app che rendono più soft l’impatto con compiti e lezioni dopo quasi tre mesi di vacanze. Proliferano sia gli strumenti dedicati alle singole materie sia quelli trasversali, che aiutano a organizzare il lavoro, reperire risorse on line, a confrontarsi con altri studenti.
Se manca la concentrazione tra le migliori c’è Forest, che offre la possibilità di piantare un albero, che inizia pian piano a crescere, mentre lo studente si dedica a cose più produttive, come studiare per l’interrogazione, il compito in classe o l’esame. La regola è semplicissima: non è possibile controllare altre applicazioni, pena la morte della piantina. Più si resiste alla tentazione di guardare il cellulare, più l’oasi verde cresce. L’app Self Control, invece, viene in soccorso quando il compito è quello di scrivere la tesi o fare una relazione. è capace bloccare l’accesso ad internet oppure a determinati siti per un certo periodo di tempo. Basterà inserire i “siti succhia tempo” nella black list e il gioco è fatto! Quando l’intento è quello di gestire al meglio il proprio tempo le app da non perdere, disponibili per Android e iOS sono: myHomework Student Planner, pensata per gli studenti del liceo e iStudiez Pro, forse la più apprezzata del momento in tema di pianificazione.
Tante anche le app per prendere appunti, memorizzare, importare PDF, modificarli, sottolinearli, scriverci sopra. Tra le più famose Squid e GoodNotes, due app che hanno quasi tutto in comune, a partire dalla sincronizzazione delle note tramite la tecnologia cloud con ogni dispositivo, fino a ridimensionare e cambiare colore agli appunti a mano, spostarli da una parte all’altra, usare penne, evidenziatori di infiniti colori, registrare note vocali o le registrazioni del professore a lezione, mettere foto o immagini e scriverci sopra. L’inchiostro digitale è fatto con una tecnologia particolare che non ti fa perdere qualità zoomando, inoltre è possibile inserire note e testo con la tastiera e convertire ciò che è scritto a mano, in caratteri digitali. Infine, per realizzare e condividere i video per la scuola, non dimenticatevi iMovie. Insomma, ritornati sui banchi di scuola, qualunque sia l’esigenza, quasi sicuramente, esisterà almeno un’applicazione utile a facilitare la vita da da studente!
Fonte: Google Play – iTunes


Un’applicazione fondamentale a disposizione degli universitari

Per le matricole che vogliono partire con il piede giusto e per tutti gli studenti che vogliono fare un po’ di ordine nella giungla dei crediti, dei piani di studio, l’app da scaricare è Libretto universitario! Riesce anche a calcolare automaticamente la media dei voti. Permette di gestirli nei vari esami in modo molto semplice, attraverso una comoda interfaccia grafica. Con un colpo d’occhio sarà possibile vedere come sta andando l’anno accademico: in una sola schermata l’utente potrà visualizzare media ponderata e aritmetica, grafici con le statistiche sugli studi e la previsione della media. L’app offre molte possibilità per la personalizzazione di alcuni parametri come il conteggio delle lodi, l’inserimento dei mezzi crediti e dei crediti totali e per ciascun esame.