Scelta delle Superiori: qualche dritta
per una decisione senza stress

Fondamentale il supporto da parte dei genitori, ecco come non sbagliare

La scuola deve ancora iniziare, ma la preoccupazione principale di moltissimi giovani studenti sarà, come ogni anno, quella di scegliere su che tipo di strada proseguire i propri studi una volta terminato il ciclo della scuola secondaria di primo grado, le cosiddette “scuole medie”. Ecco qualche piccolo suggerimento per non lasciarsi prendere dal panico e scegliere serenamente.
Le proprie passioni sono un ottimo punto di partenza: meglio cercare di riconoscerle con onestà ed entusiasmo. Capacità attitudinali e aspirazioni lavorative sono altre importanti bussole, per quanto risulti molto difficile immaginare il tipo di professione possibile ad anni di distanza.
Anche se spesso la tentazione si fa sentire, invece, è meglio evitare di seguire le orme dell’amico in quanto tale (cioè di adottare la sua scelta) o di iscriversi nel liceo o istituto sotto casa per pura comodità. Certo la vicinanza è sempre preferibile, ma solo dopo aver individuato il tipo di scuola.
Utile andare agli open day e raccogliere informazioni da chi già frequenta la scuola.
I socialnetwork danno un enorme mano su questo fronte. Quanto ai genitori, il loro aiuto e sostegno è assolutamente fondamentale per valutare qualità corpo docenti, organizzazione delle comunicazioni scuola/famiglia, offerta formativa. Le raccomandazioni da fare a mamma e papà, però, non mancano. Prima di tutto: cercare di essere obiettivi. E, altrettanto importante, evitare di indirizzare i ragazzi su scelte di cui non sono pienamente convinti.

quotidiano.net


Diversi tipi di scuola

Le categorie in cui si dividono
i diversi istituti

Attualmente, i licei si dividono in artistico, classico, linguistico, musicale e coreutico, scientifico e delle scienze umane. Gli istituti tecnici in settore economico e tecnologico.
Gli istituti professionali, invece, nel settore dei servizi e in quello dell’industria e artigianato. Queste sono le grandi macro-suddivisioni che danno, poi, vita a categorie più specifiche.
è comunque bene ricordare che qualsiasi tipo di diploma di scuola secondaria superiore dà la possibilità di iscriversi alle diverse facoltà universitarie.
Quindi, anche in questo caso, se si dovesse “sbagliare” indirizzo o non esserne soddisfatti, è sempre possibile cambiare tipo di percorso anche una volta conseguita la maturità.


Passione

I propri interessi come bussola
per orientare la scelta

Risolvere problemi è sempre stato una passeggiata? Il liceo scientifico potrebbe essere la scelta più opportuna. Sogni di diventare un grande cuoco? Meglio orientarsi su un istituto professionale ad indirizzo Enogastronomia e ospitalità alberghiera. Le possibilità sono moltissime.


Ambizioni

“Da grande diventerò…”
è il momento di realizzare quel sogno

I fortunati che hanno ben in mente che tipo di professione condurre “da grandi” possono indirizzare la loro scelta per la prima volta in maniera significativa proprio decidendo per un certo tipo di istituto superiore o per un altro. è questo il momento di iniziare a realizzare le proprie ambizioni.