Porte sempre più in primo piano: tra soluzioni glam e funzionalità

Gli infissi possono diventare le vere “star” degli ambienti

Per chi sta costruendo una nuova casa o effettuando una ristrutturazione, la scelta delle porte interne è una decisione importante. Molte le possibilità: stile tradizionale, contemporaneo, eclettico… Il primo consiglio da seguire è che lo stile, il tipo e la finitura delle maniglie e della porta interna dovrebbero essere coordinati in tutta la casa. Cosa occorre considerare in fase di scelta? Le dimensioni delle stanze, lo stile dell’arredamento, il colore delle pareti e le tendenze del momento sono solo alcuni degli elementi da tenere presenti. In linea con le ultime tendenze, le pareti si tingono di colori neutri come il creta o il tortora oppure di tinte scure ma al tempo stesso eleganti, come il blu scuro o il grigio intenso. Per armonizzare le porte interne con queste tonalità si possono scegliere due strade: il contrasto o il tono su tono. Una porta total white, per esempio, risalterà benissimo su una parete colorata mentre un legno scuro spiccherà su un tortora chiaro. In alternativa si può scegliere una nuance simile a quella delle pareti, in modo da donare all’ambiente un senso di continuità. Sempre nell’ottica della continuità tra parete e porta sono di grande tendenza le porte a filo muro, la scelta minimalista per eccellenza. I modelli a filo muro si caratterizzano per essere senza cornice e, se hanno lo stesso colore della parete, risultano quasi invisibili. La maniglia non è l’unico punto luce di una porta: continua la tendenza degli inserti in metallo, che conferiscono un aspetto prezioso. Le sottili linee in alluminio spiccano soprattutto sulle porte scure, con un effetto decisamente elegante. Invece chi non ha paura di osare può scegliere porte interamente decorate con stampe personalizzate. Si tratta di veri e propri elementi d’arredo, capaci di diventare protagonisti dell’intera stanza. Insomma, dalle soluzioni più minimaliste a quelle più di effetto, le tendenze di quest’anno sono in grado di soddisfare davvero qualsiasi esigenza di stile oltre che di esigenza funzionale. Esistono, infatti, diversi tipi di apertura: a battente, a libro, scorrevole. Ciascuna si contraddistingue per il modo in cui opera e vanta caratteristiche che meglio si adattano ad una situazione piuttosto che a un’altra. Le porte scorrevoli, ad esempio, sono perfette per guadagnare spazio.


Maniglie: vantaggi e svantaggi delle diverse tipologie esistenti

Esistono fondamentalmente due tipi di maniglie per porte interne: manopole e leve, diversamente declinate nei numerosissimi prodotti sul mercato.Le manopole sono disponibili in diverse forme, mentre i pomelli rotondi funzionano bene con decorazioni tradizionali. Le manopole possono essere difficili da aprire per bambini, anziani o persone con disabilità, ma possono essere utilizzate su porte ad apertura a destra o a sinistra. Le leve, invece, hanno un aspetto più moderno e sono adatte per l’arredamento contemporaneo (per quanto esistano proposte anche dal sapore vintage o classico). In questo caso, essendo i meccanismi differenti a seconda dell’apertura, bisogna assicurarsi di considerare il verso dell’apertura, contando quante di ciascun tipo serviranno.