Biomasse: rinnovabile d’oro
Un vantaggio per l’Italiae per l’intero Pianeta

Ottima l’integrazione con le filiere agricole

tra le fonti di energia rinnovabile importanti per il nostro Paese, oltre al fotovoltaico e all’eolico, non deve essere dimenticata quella derivante da biomasse.Il primo Rapporto socio-economico e ambientale 2019, promosso dall’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) fa il punto sulla situazione sullo sfruttamento delle biomasse sia come vantaggio per il bene del pianeta, che come risorsa economica. La Fondazione Università Ca’ Foscari di Venezia ha esaminato la ricaduta economica dell’utilizzo delle biomasse tra i risultati emersi dallo studio di nove impianti dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS). Integrate con le filiere agricole, il valore aggregato della produzione di energia e del relativo indotto è stimato tra i 210 e i 280 milioni di euro e genera circa 1.300 posti full-time, mentre il reddito totale da lavoro raggiunge i 22 milioni di euro. Un altro vantaggio economico deriva dalla significativa riduzione di emissioni di anidride carbonica che permette di risparmiare circa 100 milioni di euro all’anno.


Scarti boschivi: una grande risorsa

Le cosiddette “biomasse” utilizzate per la produzione di energia elettrica in modo sostenibile possono essere di varia natura.Tra le possibilità, c’è anche quella dell’utilizzo degli scarti boschivi. Quest’ultima pratica è anche di grande aiuto nella manutenzione del patrimonio boschivo e nella prevenzione di incendi di grandi dimensioni, che possono avere conseguenze tragiche sul territorio.


FOCUS

Distribuzione omogenea sul territorio

Secondo una recente analisi del CNR, la disponibilità delle biomasse solide utilizzate come combustibile per produrre energia elettrica è aumentata del 10% negli ultimi dieci anni. Non solo: a differenza di quanto avviene per le altre fonti di energia rinnovabile, la distribuzione sul territorio nazionale è piuttosto omogena.Tra i molti vantaggi dell’utilizzo delle biomasse c’è anche quello che possono garantire una fornitura di energia stabile nel tempo, al contrario di quanto avviene, ad esempio, per l’utilizzo della forza del vento o dei raggi solari con eolico e fotovoltaico.