Luce “sospesa”…fra design e funzionalità
per dare risalto a vari angoli della casa

La scelta / Le lampade a sospensione sono elementi d’arredo molto usate nelle sale da pranzo, nelle zone living e anche nelle stanze da letto

Elementi d’arredo che un tempo erano soprattutto funzionali, con il passare del tempo sono diventati importanti pezzi di design per dare all’ambiente domestico un certo stile. Questa regola vale soprattutto per le lampade a sospensione che oggi riempiono le zone pranzo, le aree living e in alcune case anche le stanze da letto. Le lampade a sospensione, molto simili ai lampadari, differiscono da questi ultimi perché non rappresentano la fonte di illuminazione principale della stanza, piuttosto vengono utilizzate per dare luce a un angolo particolare o per valorizzare una zona dell’immobile. Queste lampade, così come i lampadari, vengono attaccate direttamente al soffitto ma in punti ben precisi: sul tavolo in cucina (se lo spazio lo permette); a ridosso di una parete attrezzata o angolo tv; in sospensione su una libreria aperta o anche per valorizzare un particolare architettonico dell’appartamento (si pensi a mansarde o volte). L’importante è scegliere un oggetto che non si distacchi troppo dallo stile di arredamento.


L’illuminazione diventa complemento d’arredo

Lo stile / Forme sinuose e appariscenti, il 2020 è l’anno che spinge ad osare

Così come è emerso dal Salone del Mobile di Milano l’illuminazione dell’appartamento cambia completamente volto e ruolo. Dare luce agli ambienti domestici non è più soltanto un fatto di utilità, ma acquista personalità e diventa un modo per arredare e riempire gli ambienti. Il 2020 è l’anno in cui si può osare in tutti i sensi: colori, strutture e forme. Lampade dalle forme sinuose, eleganti ed appariscenti, messe in commercio dalle case produttrici, possono cambiare volto ad un salotto anonimo e mettere in risalto gli arredi e le finiture architetto.
Ciò che cambia sono soprattutto le forme di lampade e lampadari diventate vere e proprie protagoniste. I modelli di lampade, fino a qualche tempo fa giudicati eccessivi, sono molto gettonati purché eleganti e ben integrati all’ambiente. Il lampadario, conosciuto un tempo come il protagonista della sala, posizionato al centro, viene rivisitato in chiave moderna pur abbinandolo a un arredamento classico e addirittura antico.


Le tendenze

Torna il tondo
La novità: luci a cascata

Sono numerose le idee che influenzeranno il modo di illuminare la propria abitazione nel 2020. Gli interior design si sono sbizzarriti con abbinamenti appariscenti e impensabili sino a qualche anno fa. Per l’illuminazione la tendenza sembra essere quella delle lampade tonde, una forma usata sia per luci da tavolo, appliques che lampate a sospensioni. Gli amanti del minimal, invece, possono scegliere strutture semplici con strisce di led molto luminose. Un’altra tendenza, però, è quella delle luci a cascata in cui la struttura della lampada è praticamente scomparsa. Questo tipo di luce, un tempo utilizzata soprattutto per gli esterni, sta trovando molto spazio anche in eleganti salotti o sale da pranzo arredate in stile contemporaneo.