Il progetto c’è…ma non si vede: inno alla spontaneità

Uno spazio green che dona pace e refrigerio nel caldo estivo

Chic ma allo stesso tempo casual e rilassato, il giardino mediterraneo trae ispirazione dalla vegetazione delle zone costiere della Spagna, dell’Italia e della Francia. Richiede poca manutenzione e riempie l’aria di un inebriante profumo.Caratterizzato dalla presenza di piccoli corsi d’acqua, il giardino mediterraneo è in grado di sopportare luce e calore. Nella sua progettazione dovremo dimenticare schemi squadrati e definiti: la vegetazione mediterranea deve essere lasciata libera di disporsi in modo il più possibile naturale e spontaneo.Sul suolo del giardino mediterraneo si consiglia di piantare alcune specie di piante resistenti al calore, come la Cynodon dactylon e la Stenotaphrum secundatum, ma anche piante rampicanti come l’edera o piante aromatiche come la lavanda, la menta, il rosmarino, la salvia e l’alloro. Tra gli alberi si scelgono in genere il gelso, il carrubo, il tiglio, l’ulivo, la palma, il melograno, i diversi agrumi, ma anche l’albero di fico e l’oleandro. Si possono aggiungere anche piante da fiore con funzione ornamentale: rose, ma anche gerani, begonie, e le rampicanti buganvillee e gelsomini.


MURETTI A SECCO TRA LE PIETRE, IL FASCINO DI UN’ANTICA TRADIZIONE

Angoli suggestivi tra i profumi delle erbe aromatiche

Se desideriamo ricreare degli angoli più riservati all’interno del giardino, senza però tradire lo stile mediterraneo, sono assolutamente perfetti dei muretti a secco non troppo alti. Una volta costruiti, potranno essere poi decorati con piante rampicanti e resistenti, come ad esempio l’edera. Dietro ai muretti è così possibile ricavare una zona riparata in cui collocare sedie, tavoli e altri arredi da giardino, preferibilmente in uno stile dal fascino antico, insieme a quelle piante più delicate che vanno protette dalle intemperie. In questo luogo magico, un po’ raccolto, possiamo disporre piante aromatiche cespugliose, come ad esempio il rosmarino o il timo, magari alternandole a specie dai fiori colorati come le ginestre. Ricordiamoci di delimitare il tutto con rocce irregolari, per un effetto assolutamente naturale.


VIRTÙ

Tanti i punti di forza di cespugli e arbusti rustici e sempreverdi

Un giardino mediterraneo si compone prevalentemente di piante che hanno un portamento arbustivo o cespuglioso, con foglie di piccole dimensioni. Questa tipologia di vegetazione ha infatti un’alta capacità adattiva, richiede un minore apporto di acqua perché, grazie all’aspetto coriaceo delle foglie, mantengono l’umidità al loro interno. Non solo, ma molte sono sempreverdi perché il colore delle foglie, che in genere è più scuro, immagazzina più luce. Non necessitano di cure particolari. Alcune accortezze utili: le piogge incessanti possono far marcire le radici e non tutte le specie mediterranee sopportano bene il freddo intenso.