Tinteggiare le pareti: bianco, grigio
e panna per ambienti più luminosi

La primavera invita a rinnovare l’ambiente

Come tinteggiare le pareti di casa? La scelta dei colori e delle tecniche da usare molto spesso viene sottovalutata e invece è molto importante: le pareti di casa, infatti, incidono molto sull’aspetto che si vuole dare all’appartamento e per questo motivo colori e tecniche di tinteggiatura non possono passare in secondo piano. I colori sono importanti ma non tutti vanno sempre bene. Se gli spazi sono ridotti, i colori neutri come il bianco, il panna, il ghiaccio o il grigio molto chiaro rappresentano sempre la migliore soluzione. Le tonalità chiare infatti hanno come effetto quello di rendere gli ambienti più luminosi dando l’idea di uno spazio maggiore. In caso di metratura più ampia ci si può invece sbizzarrire maggiormente scegliendo anche tonalità più particolari, tenendo sempre presente lo stile scelto per l’arredamento della casa. Rosso, giallo e arancione vanno bene in ambienti rustici, l’azzurro e il blu si sposano perfettamente con un arredamento moderno. Via libera ai colori pastello in ambienti tradizionali.


TECNICHE

Come scegliere la pittura più adatta

Detto dei colori, passiamo alle tecniche di pittura che certamente rivestono un ruolo di primaria importanza quando si parla di tinteggiare le pareti di casa. La pittura con il rullo è la più semplice e probabilmente anche la più conosciuta: basta applicare il colore alla parete per poi stenderlo con il rullo. Una tecnica che bene si presta anche al fai da te. C’è poi la pittura a spruzzo che viene spesso prediletta per pareti molto grandi, nel tentativo di ottenere l’effetto di una pittura uniforme. Anche questa, come quella con il rullo, è una tecnica abbastanza semplice che non necessariamente richiede l’intervento di un esperto professionista. C’è poi la pittura a effetto spugnato o con straccio che si ottiene distribuendo il colore sulla parete grazie appunto all’utilizzo di una spugna o di uno straccio. La tecnica non è semplicissima ma l’effetto complessivo è davvero molto buono. Insomma anche per quanto riguarda il modo di tinteggiare le pareti, non c’è altro che l’imbarazzo della scelta per soddisfare ogni gusto e esigenza.


FOCUS

Arredo classico, “effetto liscio” con lo spatolato

In caso di appartamenti arredati in perfetto stile classico, la pittura con effetto spatolato è spesso la più consigliata: garantisce pareti lucide e lisce che bene si armonizzano allo stile generale della casa. E’ questa una pittura particolarmente complessa per la quale si sconsiglia il fai da te perché nella maggior parte dei casi il risultato finale non si rivela all’altezza delle aspettative. Se siete orientati su questa tecnica di pittura, quindi, il consiglio è quello di affidarvi a un bravo professionista che saprà eseguire il lavoro nel migliore dei modi.