Mood e sapori

Mood e sapori inediti in un’ambiente che guarda a terre molto lontane

Un tocco etnico che scalda gli arredi

Lo stile “etnico” solitamente descrive tutti quei suppellettili d’arredamento di fattura artigianale che provengono da culture differenti dalla nostra, da luoghi lontani e ricchi di fascino. Molti di noi, magari di ritorno da un viaggio, espongono mobili e soprammobili esotici nella loro casa. Arredare un intero ambiente in questo stile, tuttavia, richiede un certo equilibrio e molto gusto perché bisogna evitare accostamenti esuberanti fra mobili e decorazioni che potrebbero risultare ridondanti. Ecco dunque qualche consiglio su come arredare la cucina in stile etnico. Lo stile etnico, per definizione, dovrebbe rispecchiare il principio di semplicità, derivando essenzialmente dagli usi e costumi di popoli, che solitamente hanno uno stile di vita modesto ma ricco di personalità e buon gusto. In cucina, in particolare, il design etnico si caratterizza per l’utilizzo di mobili realizzati prevalentemente in legno o teak, dalle forme morbide e meno spigolose di quelle tipiche occidentali. Le superfici di lavoro ed appoggio dovrebbero essere ricoperte in ceramiche, preferibilmente dai motivi geometrici e nei colori indaco o blu marina.


Luci

Calde e avvolgenti per un’atmosfera accogliente

Una cucina arredata in stile etnico deve risultare uno spazio accogliente dove chiunque entri si senta sempre a suo agio. Per quanto riguarda le luci – complemento fondamentale di qualsiasi arredamento, in grado di cambiare completamente la temperatura e l’atmosfera di un ambiente – è consigliabile evitare quelle fredde e lampadari moderni e privilegiare invece lampade, candele e lanterne dai vetri colorati, che infondano toni caldi e creino un’atmosfera originale ed esotica, in grado di richiamare i mondi lontani che si desiderano evocare.


STILE UNIFORME

Colori, tessuti e souvenir… intonati

In una cucina etnica non mancherà una credenza in legno con vetrina dove riporre in bella vista il vasellame, ma evitate di riempire troppo le pareti con suppellettili, per non appesantire troppo l’ambiente. Piuttosto ravvivate la stanza con tessuti, soprattutto in fibre ecologiche quali lana, cotone o seta, meglio se decorati e in colori molto vivi e brillanti (per esempio tinte forti e calde), sempre comunque con prodotti naturali, per sedie, tovaglie e tende. Completate l’arredamento con delle tende lunghe fino al pavimento; queste possono essere in tinta unita oppure raffigurare delle foglie o delle immagini di paesaggi orientali. Il colore deve essere delle tonalità del marrone, dell’arancio, del giallo o del verde. È possibile abbinare alle tende i copritavolo e i coprisedie, per quanto riguarda i soprammobili e i suppellettili è indicato utilizzare soprattutto dei souvenir. Se li avete, mettete a casa una statua di legno realizzata a mano oppure dei prodotti artigianali, che richiamano lo stile etnico.

2017-09-19T12:42:59+00:00Argomento: CASA|Speciale |