Alcune semplici regole per dare riparo agli uccelli

Basta poco per trasformare la zona green

Per i più attenti a uno stile di vita improntato alla sostenibilità, un’idea interessante può essere progettare una zona del giardino in modo che diventi un vero e proprio birdgarden.Sono necessarie solo alcune piccole accortezze: prima di tutto prevedere la presenza di una siepe. Le siepi, infatti, costituiscono un riparo per molti uccelli e un luogo sicuro in cui nidificare. Le loro foglie, bacche e polline sono una fonte di cibo per molte specie animali: merli, tordi e storni apprezzano in particolar modo le bacche del prugnolo, del biancospino e della sanguinella, mentre la capinera si nutre dei frutti del sambuco e della lantana. Un secondo accorgimento è quello di lasciare un angolo di prato naturale, senza tagliarlo e senza eliminare le erbacce. Darà cibo e rifugio a molti uccelli, come il cardellino per esempio che si nutre dei semi del cardo, ma non solo: i fiori di campo oltre a nutrire con il loro nettare moltissimi insetti diversi, attirano anche le farfalle che si alimentano e si riproducono esclusivamente su queste tipologie di fiori spontanei.


L’acqua: fondamentale per la vita

Un elemento a cui prestare particolare attenzione nella progettazione del nostro giardino per gli uccelli, è la presenza di una fonte di acqua, indispensabile per gli uccelli non solo per abbeverarsi, ma anche per bagnarsi in modo da mantenere il piumaggio pulito e in buone condizioni. È sufficiente predisporre una vaschetta d’acqua, magari esposta al sole, mettendole accanto anche dei posatoi per gli uccelli realizzati con alcune semplici pietre.


DA SAPERE

È sufficiente anche un piccolo balcone

Anche un piccolo terrazzo, o una finestra, possono diventare un rifugio per gli uccelli. Per attirarli si possono distribuire piante, piccoli arbusti in vaso ed erbe aromatiche. Importantissimo è non dimenticare una vaschetta con l’acqua, indispensabile. In inverno sono utili delle mangiatoie artificiali per nutrire gli uccelli: attenzione in questo caso a esporre sempre mangiatoie con il tetto o del tipo “appeso”, per non far avvicinare i piccioni che non hanno bisogno di essere nutriti e impediscono la presenza di altre specie.È utile anche attaccare sagome anti collisione sui vetri, in modo che gli uccelli non sbattano sulle finestre.