Addio all’uso delle chiavi
le serrature sono smart

Porte / L’apertura si gestisce utilizzando l’app sullo smartphone

Mai sottovalutare la domotica perché i campi di applicazione sono numerosi e per molti versi anche sorprendenti. Un esempio su tutti è quello delle serrature intelligenti.
Anzi, per utilizzare la denominazione più precisa, le serrature smart lock, quelle che non richiedono l’utilizzo delle chiavi. L’utilità va cercata proprio nella praticità e per certi versi rappresenta l’equivalente di quanto accade con la tecnologia keyless per salire a bordo di un’auto.
La differenza è un’altra: queste serrature sono di fatto dispositivi da applicare sulle porte e prendono il posto delle comuni serrature con la chiave. In questo modo diventa possibile controllare e gestire l’apertura delle porte di ingresso utilizzando l’apposita app scaricata e installata sullo smartphone.
Oltre alla semplificazione della procedura, l’altro vantaggio va ricercato nell’innalzamento del tasso di sicurezza. Le serrature smart lock si rivelano quindi strategiche per la gestione di b&b, ostelli, affittacamere e hotel.


Alternativa

E se il cellulare è scarico?

Ma come fare a entrare in camera se lo smartphone è scarico e non è quindi possibile mettere in comunicazione tecnologica la serratura con l’app? Nessuna preoccupazione perché entra in gioco l’accesso alternativo. Si tratta del cosiddetto piano B che nella maggior parte dei casi si traduce nella digitazione di un codice numerico. Altre serrature consentono invece l’utilizzo della chiave tradizionale.


Se lo sblocco avviene con i comandi vocali

Integrazione / Questi strumenti comunicano con i dispositivi elettronici

Le serrature smart lock sono solo un tassello del mosaico più ampio della domotica in casa in cui tutti i dispositivi elettronici sono collegati tra loro e in grado di interagire. E in tutti i casi si caratterizzano per l’estrema facilità di installazione e di utilizzo. Restando proprio nel comparto sicurezza potremmo citare i sistemi di antifurto wireless, le telecamere di videosorveglianza Wi-Fi, i rilevatori di monossido di carbonio e fumo, i videocitofoni Wi-Fi e i sensori di movimento. E ovviamente ci sono i classici interruttori presenti in tutte le abitazioni, a iniziare da quelli per l’illuminazione interna, così come i nuovi speaker domestici. Un esempio pratico di utilizzo? Il ricorso ai comandi vocali per la chiusura della serratura smart lock e allo stesso tempo spegnere tutte le luci. Il comando registrato dagli speaker è semplice e impossibile da dimenticare: buonanotte.