Contenere i consumi, aumentare il comfort abitativo

Risparmio / Le scelte migliori per aumentare l’efficienza energetica

Non è un segreto che gli infissi siano il tasto dolente quando si parla di dispersione energetica nell’ambiente domestico. Spifferi, chiusure deformate dal tempo e dall’umidità: una fonte importante di perdita del calore in inverno, che in estate può invece compromettere l’efficienza degli impianti di climatizzazione. Intervenire sugli infissi è dunque un buon modo per contenere i consumi e aumentare il comfort abitativo. Se le “solite sospette” sono le finestre di casa, generalmente un intervento comporta la sostituzione dell’intero elemento: solo così è possibile ottenere un reale efficientamento. Si possono allora scegliere soluzioni di efficacia diversa per budget di spesa crescenti, dai classici doppi vetri con infissi coibentati a soluzioni più avanzate come le finestre a vetro basso-emissivo. Queste ultime permettono di ridurre lo scambio termico tra interno ed esterno: non solo, quindi, niente dispersione di calore in inverno, ma anche una stanza più fresca in estate. Queste soluzioni comportano, quindi, investimenti di diversa entità, che però possono essere facilmente ammortizzati nell’arco di qualche stagione. Con il miglioramento della resa energetica, infatti, diminuiscono le spese in bolletta. E, naturalmente, aumenta il comfort dell’abitazione.


Incentivi

Le detrazioni dell’ecobonus

Anche le operazioni su infissi e serramenti possono essere ammortizzate dagli incentivi governativi dell’ecobonus. Gli interventi ammessi alla super detrazione devono comunque prevedere la sostituzione degli elementi e assicurare un determinato livello di efficientamento energetico, misurato in termini di trasmittanza termica. Per maggiori informazioni è bene rivolgersi a specialisti nell’impiantistica di settore.


Interventi di efficientamento sui serramenti

Tipologie / Oltre al legno, PVC e metallo sono i materiali più usati

Se gli interventi più efficaci comportano la sostituzione dell’intero elemento, e quindi la sistemazione per esempio di una finestra in vetro speciale con relativo infisso ad elevata efficienza energetica, è vero anche che si possono ottenere buoni risultati con una semplice revisione dei serramenti.
Interventi di manutenzione, specialmente nel caso di materiali come il legno, o di miglioramento, per esempio mediante la classica applicazione del film isolante sui bordi di una finestra, possono dare ottimi risultati.
Resta inteso che la sostituzione dell’infisso garantisce sicuramente un livello di efficientamento energetico più elevato. Per quanto riguarda i materiali il legno rimane un’ottima scelta, anche per la sua relativa economicità, mentre PVC e alluminio garantiscono in genere un più efficace grado di isolamento.
Per misurare l’efficienza energetica degli infissi si effettuano test specifici (obbligatori nel caso in cui si voglia accedere alle detrazioni fiscali dell’ecobonus), che verificano i valori di trasmittanza tecnica ed isolamento ottenuti.