Letto a baldacchino, divani e “punto acqua”
Quando la zona notte diventa un’oasi di lusso

La novità / La camera da letto è un open space in cui rifugiarsi dopo una faticosa giornata di lavoro e ricercare la propria intimità

Nel 2020 cambia il ruolo della camera da letto. Il vecchio concetto di stanza in cui andare solo per dormire è stato superato da un nuovo e più funzionale concetto di stanza di lusso. La camera da letto, infatti, diventa un’oasi di comfort dove rifugiarsi dopo una faticosa giornata di lavoro. Se lo spazio lo permette, l’ideale sarebbe creare una stanza completamente autosufficiente: un open space in cui inserire letto, tv, magari un divanetto e se c’è la possibilità anche un punto acqua. Il vero protagonista, però, è il letto. Gli interior design si sono sbizzarriti nel riproporre i letti a baldacchini magari rivisitati in chiave completamente moderna. Una delle cose meravigliose dei letti a baldacchino è che si può creare un ambiente sereno e rilassante nella stanza. Il letto così diventa un’oasi di stile e comfort nell’ambiente più ampio della camera stessa: il nascondiglio perfetto in cui rifugiarsi e trovare la propria intimità.
L’unica cosa che va verificata sono gli spazi: inutile e antiestetico posizionare un letto a baldacchino in una stanza piccola. Seguire le tendenze è corretto, ma bisogna sempre uniformarsi a quelli che sono gli spazi di cui si dispone, in caso contrario si rischia di ottenere il risultato opposto: una stanza poco funzionale e non armoniosa.
Chi non ama i letti a baldacchino e preferisce uno stile semplice e più convenzionale, può sempre puntare sul minimal. Restano di tendenza, infatti, i letti senza testata che occupano poco spazio.


Armadi modulari per movimentare la stanza

Il gusto / Se si ha la possibilità realizzare una cabina armadio

Comodo, funzionale e ora anche bello. Gli armadi completano la camera da letto e più in generale, con i loro volumi, possono riconfigurare anche il living, i corridoi e i disimpegni. Nel 2020, infatti, grazie alla ricerca e allo studio delle case produttrici gli armadi sono diventati veri e propri complementi di arredo.
Così come nel 2019 gli armadi possono essere utilizzati per arricchire e movimentare le pareti della stanza da letto attraverso l’utilizzo di moduli con profondità differenziate fino alle ante con il televisore integrato. Gli armadi possono anche dividere due ambienti al posto dei classici tramezzi in muratura o in cartongesso, esistono infatti elementi double-face, con passaggi integrati, chiusi da porte mimetiche, uguali al resto del contenitore. Insomma non c’è che scegliere. L’obiettivo principale, però, è quello di scegliere un mobile che oltre che bello sia anche adatto alle esigenze di chi lo sceglie. Per i comodini e per il comò la scelta è un po’ più obbligata: o si decide di rimanere nello stile del letto, o in alternativa bisogna scegliere mobili simili all’armadio.
Chi ha una camera da letto grande, inoltre, può puntare sulla realizzazione di una grande cabina armadio o addirittura, nei casi limite, di una vera stanza guardaroba con le attrezzature a vista. È risaputo, infatti, che una stanza dedicata all’abbigliamento in camera da letto dia valore all’interno appartamento.