Per combattere l’ansia ed allontanare tensioni e nervosismo

Non solo: indicate anche contro reumatismi e nell’ambito dermatologico ed estetico

Lo stress è una tensione fisica, psichica e nervosa che si manifesta nell’organismo, in forma più o meno grave, come risposta patologica a stimoli negativi dell’ambiente e che compare quando non si riesce a mantenere il controllo delle situazioni. Il nostro corpo e la nostra mente possono reagire in modi differenti allo stress, ma spesso il prezzo da pagare per l’adattamento alle circostanze che lo hanno generato è uno stato ansioso persistente: la sensazione di impotenza o incapacità di eliminare “minacce” può portare persino alla depressione. Non si deve compiere l’errore di pensare che sia sempre possibile modificare autonomamente il proprio stato di tensione psicofisica: si deve poter contare su aiuti di diversa natura, che non si esauriscono con il lavoro psicologico o con l’uso di farmaci. Ed è proprio in questa dinamica che si inseriscono positivamente le proprietà benefiche e naturali delle acque termali: è, infatti, scientificamente dimostrato che esse abbiano proprietà antidepressive dovute all’aumento del rilascio di serotonina, un neurotrasmettitore legato in maniera diretta alla sensazione di benessere. Fare il bagno nell’acqua termali (balneoterapia) comporta l’aumento del rilascio della serotonina. La balneoterapia, da sola o in associazione ad altre cure termali, poi è ampiamente utilizzata in ambito reumatologico, dermatologico ed estetico. I bagni termali, soprattutto quelli arricchiti in biossido di carbonio ed ozono, possono migliorare la circolazione venosa e capillare, risultando utili in caso d’insufficienza venosa e cellulite.


AGEVOLAZIONI

Le cure alle Terme possono essere gratis: quali i casi previsti?

Ci sono determinate categorie di persone che possono ottenere gratuitamente i trattamenti termali. Le Cure Balneo Termali vengono concesse dall’Inps (dopo l’accertamento dei requisiti assicurativi, contributivi e sanitari) con lo scopo di evitare, ritardare o rimuovere uno stato di invalidità e possono usufruirne determinate categorie, ma la fruizione deve avvenire solo nel periodo feriale, eccetto quanto previsto all’art. 16 L. 412/1991. L’Istituto può concedere le cure per un solo ciclo annuale ovvero 12 giorni, pari a due settimane di cura, dal lunedì della prima settimana al sabato della seconda, per un massimo di cinque cicli di cure nell’arco dell’intera vita assicurativa. Il costo delle cure è a carico del SSN, mentre quello del soggiorno spetta all’Inps. (fonte: www.inps.it)


BUONE PRATICHE#1

Inalazioni calde per le funzioni respiratorie
Ottime e consigliate anche per i bambini

Le inalazioni termali sono utili nelle affezioni delle vie respiratorie soprattutto se a carattere secretivo (adenoiditi, riniti, otiti secretive, bronchiti). Si possono eseguire in qualunque periodo dell’anno, anche se si predilige eseguire i cicli di cura in primavera o in autunno, quando viene amplificata la loro azione preventiva.


BUONE PARTICHE#2

Tutti i benefici della cura idropinica
Benessere da bere con prescrizione medica

Dalla cura idropinica, ovvero la cura che consiste nel bere acqua termale, ne traggono giovamento coloro che soffrono di gastriti, digestione difficile, meteorismo, ridotta funzionalità biliare ed epatica, oltre a tutte le patologie del colon, dal colon irritabile ai diverticoli e, soprattutto, alla stitichezza.