Tendenze e sensualità per accendere la passione

Reggiseni e corpetti in bella vista

Celato agli sguardi indiscreti, l’abbigliamento intimo possiede un suo particolare fascino. Non solo, o non tanto, comodo, ma piuttosto capace di stimolare i sensi. Ecco perché San Valentino può essere l’occasione giusta per (ri)accendere la passione regalando alla propria donna un capo che farà felice lei (e gli uomini!). Le tendenze di stagione ci mostrano lingerie protagonista assoluta degli outfit, con reggiseni e corpetti in vista. Una tendenza audace e maliziosa, partita dalle passerelle della scorsa primavera estate e pronta ad affermarsi come autentico must per le fashion addicted più spregiudicate proprio in questa stagione. Il nero è il colore predominante ma gli inserti fluo e animalier sono la grande novità. Spazio anche alle proposte più leziose, contraddistinte da tessuti impalpabili e stampe delicate di fiori o farfalle. Si riconfermano i completini sensuali in pizzo e seta, che giocano con i contrasti di colore e si occupano di esaltare la femminilità di ciascuna donna.


Dettagli

A tutto calza: dritte per la scelta giusta

I collant, per una donna, e i calzini per l’uomo non bastano mai. Ecco perché regalarne un paio per San Valentino risulterà un’ottima idea. Ne esistono di tantissime fantasie e colori: ci si deve solo lasciare guidare dal gusto. Per gli uomini, è preferibile scegliere tra colori vivaci, fantasie e materiali pregiati, come il cachemire. Ovviamente, spazio a cuori e a tutto ciò che richiami il romanticismo di San Valentino. Per una serata in cui la sensualità sia richiamata da ogni dettaglio, le autoreggenti sono un vero must. Opache e con una raffinata balza in pizzo non possono mancare! Oppure per aggiungere un tocco bon ton anche alle calze più sexy possono essere scelte in una versione con micropois.


Sottoveste: l’intimo c’è e si vede

La vera grande rivoluzione nella moda del terzo millennio è avvenuta nel comparto underwear, che si è appropriato con orgoglio del territorio dell’outfit. Ovvero, molti capi prima rigorosamente “intimi” si prestano oggi ad un utilizzo duplice, di giorno come di notte, sotto come sopra. L’incrocio è evidente nelle sottovesti, che vengono proposte come abiti veri e propri, pur mantenendo, a piacimento, la vocazione iniziale.