Il segnaposto si “sposa”con il tema delle nozze

Via dal tavolo il classico cartoncino con nome dell’invitato

A pochi mesi dal giorno più romantico della propria vita, sono tante le cose da pianificare. Location del ricevimento, abiti, decorazioni sino alla scelta dei testimoni e delle damigelle. E se in passato il segnaposto era solo un cartoncino su cui scrivere il nome di ciascun invitato per indicare il tavolo a lui assegnato, oggi invece rappresenta un dettaglio importante per il banchetto nuziale. Messo ormai all’angolo il concetto tradizionale di segnaposto, si è passati alle idee più originali e personalizzate. Nella maggior parte dei casi, infatti, il segnaposto è in linea con il tema dominante del matrimonio. Se la coppia è amante del mare, una conchiglia o anche un corallo potrebbero essere un segnaposto ideale per il vostro ricevimento da sogni. I colori blu e tiffany daranno poi un tocco in più all’atmosfera. Molto gettonata anche l’idea di usare dei segnaposto “mangiabili”: dolcetti, cioccolatini e caramelle potranno rendere più dolce il pranzo degli invitati al vostro banchetto di nozze.© riproduzione riservata


Tendenze

Una festa ricca… di poesia

Le poesie d’amore sono tra i temi più in voga dei matrimoni degli ultimi tempi. È questa infatti la tendenza wedding 2020: le poesie vengono trascritte su pergamena e poggiate sui tavoli in sala perché anche gli invitati possano immergersi in questa fantastica atmosfera fiabesca. Nastrini colorati e fiori freschi fanno da cornice ai romantici versi ricopiati su carta e distribuiti in più angoli della location.


Tableau marriage: la creatività in sala

Allestimenti / Da semplice tabellone a dettaglio per sorprendere gli ospiti

Il tableau mariage non può certo mancare durante un ricevimento. È il tabellone che ha la funzione di indicare il tavolo a cui gli invitati dovranno accomodarsi. Una sorta di ‘piantina’ della sala in cui si svolge il banchetto di nozze. Con il tableau ognuno sa con chi andrà a condividere il tavolo. Sui foglietti che compongono il prospetto è bene indicare sia nome che cognome dell’invitato ma se si preferisce un tono più informale si può pure optare solo per il nome di battesimo o anche per un diminutivo. Il tableau, così come il segnaposto, deve essere in linea con il tema scelto per il matrimonio: stesso stile e stessi colori. Si possono usare sia cornici che tele come base per appendere i foglietti con i nomi dei tavoli e degli ospiti. Gli amanti del cinema potranno dare ai tavoli i nomi dei film più famosi; gli appassionati di musica potranno sbizzarrirsi con i titoli delle canzoni più romantiche. © riproduzione riservatA