Insegnare ai bambini a “fermarsi” li aiuta
a rilassarsi canalizzando le emozioni

La respirazione e gli esercizi-giochi per sfogare la rabbia

Insegnare a un bambino a rilassarsi è molto importante, perché gli si insegna che non bisogna necessariamente essere in movimento per tutta la giornata ma che ci si può anche fermare, ad esempio a guardare il cielo, senza bisogno di “dover fare qualcosa” a tutti i costi.
Le tecniche di rilassamento sono molto utili anche per far riconoscere al bimbo le emozioni che lo invadono, imparando a gestirle e canalizzarle; lo scopo principale di queste tecniche è infatti quello di portare, col gioco, momenti di distensione e piacere nei vari momenti della giornata. Pertanto, coi piccoli il linguaggio usato per fare ciò dovrà essere ricco di immagini colorate, odori, sapori e sensazioni, da condividere con chi gliele propone.
A seconda dell’età del bambino posso essere svolti tanti esercizi-giochi di rilassamento, sia in gruppo che da soli, a seconda che ci si trovi a scuola o in casa; l’importanza del rilassamento dei bimbi, infatti, è ormai compresa e inglobata nelle proposte didattiche sin dagli asili nido, che sfruttano la coralità e il gioco per insegnare ai bambini a gestire le loro emozioni.


CONCENTRAZIONE – DAL “BARATTOLO DELLA CALMA” AL “CESTINO DEI TESORI”

Il metodo Montessori per tranquillizzare i piccoli

Il gioco è il lavoro del bambino. Parola di Maria Montessori, educatrice pedagogista che su questo assioma ha costruito il suo “metodo”, un approccio ai bisogni e allo sviluppo del bambino “secondo la sua natura”.
Tra le sue molte proposte educative, tante si focalizzano sull’aiutare i bimbi a concentrarsi e rilassarsi, impegnandoli in attività che sviluppano le loro capacità cognitive e sensoriali. Come il “barattolo della calma”, un contenitore che li aiuta dopo un momento burrascoso di emozioni: dei brillantini colorati all’interno del barattolo, che, agitati, scorrono, riportano la calma e permettono al bimbo di concentrarsi su questa nuova attrattiva. Il “cestino dei tesori” invece (una cesta con oggetti comuni come mollette o elastici), sviluppa la loro crescita cognitiva e sensoriale, aiutando le associazioni e la concentrazione.


RILASSAMENTO

Per un completo e sano sviluppo psico-fisico

Praticare yoga fin da piccolissimi si è rilevato molto prezioso; rende i bimbi consapevoli del proprio corpo, ne aiuta il rilassamento con la respirazione e insegna l’importanza del rispetto degli altri e del pianeta. Nella versione “baby”, lo yoga è innanzitutto movimento sano e gioco, con asana appositamente pensate per loro e l’eventuale aggiunta di musiche e canzoni rilassanti, cui fanno da corollario attività artistiche parallele, come ad esempio la colorazione dei mandala.Canzoni e filastrocche o l’ascoltare bendati suoni riprodotti, aumenta infine la concentrazione e modula il respiro.