Per il giorno più dolce un conto piuttosto salato
Ma risparmiare si può…

Il web offre app e buone idee low cost

Quante sono le voci che rendono speciale il giorno del sì? Location, abiti degli sposi, trucco, acconciatura, servizio fotografico, ricevimento, addobbi floreali, torta, bomboniere, animazione, viaggio di nozze…Una lunga lista che equivale anche ad un conto piuttosto salato! Secondo l’Onf (Osservatorio nazionale Federconsumatori) nel 2018, ad esempio, il costo di un un matrimonio con 100 invitati è variato da 31.118 euro a 62.442 euro, tra l’1,4% e l’1,9% in più rispetto al 2017; l’importo, naturalmente, muta a seconda del luogo in cui si svolge la cerimonia e dal tipo di festeggiamenti. A chi intende tenere i costi sotto controllo viene in supporto il web con alcune piattaforme digitali che, oltre ad offrire strumenti utili ad organizzare le nozze, aiutano a trovare idee originali per risparmiare. Inoltre, ultimamente, i siti che propongono coupon scontati per beni e servizi ne prevedono anche per le nozze: dal wedding planner al pacchetto trucco e benessere, dal ricevimento al noleggio auto, dall’abito da sposa alla torta.


On line

Lista nozze “evoluta” e regali in denaro

Anche la lista nozze ha una sua versione 2.0. Grazie ai siti che offrono un servizio di gestione della lista stessa. Come Listanozzeonline.com, una piattaforma digitale che permette di personalizzare la propria pagina (da condividere poi con amici e parenti via sms, email, Whatsapp, Facebook o direttamente sulle partecipazioni) con nome, data dell’evento, foto, un messaggio di benvenuto, il luogo e tutte le informazioni relative alla cerimonia e al ricevimento. È possibile inserire i prodotti che si desiderano, con la categoria, la descrizione, la foto, la geolocalizzazione del negozio fisico o l’indicazione di quello digitale e il prezzo; oppure si può scegliere di chiedere un contributo libero in denaro con la possibilità per gli sposi di trasferire il denaro via bonifico sul proprio conto in ogni momento e di visualizzare su un pannello di controllo il totale.Altra possibilità per raccogliere regali “monetari” è Tinaba: seguendo una modalità simile al crowdfunding, l’app consente di creare una cassa comune definendo l’obiettivo per cui la somma viene raccolta e la data di scadenza per il versamento delle quote.


Video e foto: ecco l’album condiviso

Una soluzione che può integrare il lavoro del fotografo professionista (abbassando così il costo del suo servizio) è ricorrere alle varie app che consentono di realizzare una sorta di album collettivo. Fra queste WedShoots, che permette agli invitati di condividere gli scatti che fanno con il proprio smartphone. Per utilizzarla occorre creare un album, condividerlo con gli ospiti tramite email, Facebook o scrivendolo sulle partecipazioni. è possibile usare filtri speciali, commentare le foto, votarle e persino collegare un proiettore per guardare le immagini in tempo reale durante il ricevimento.