Frutta settembrina per contrastare i segni del tempo

Prolungano anche i benefici dell’estate

Se si pensa che settembre, sulle nostre tavole, porti solo uva e fichi ci sbagliamo di grosso. E’ lunga, infatti, la lista di prodotti che propri in questi giorni stanno invadendo i banchi di supermercati e bottega di ortofrutta: kiwi, fichi d’India, tartufi e funghi fanno infatti parte di una lunga e gustosa lista di prelibatezze che mixa sapori ancora tipicamente estivi a quelli autunnali. Inoltre, la frutta di stagione settembrina è ricca di vitamine e antiossidanti che aiutano a contrastare l’invecchiamento e a prolungare i benefici dell’estate. Qualche esempio? I lamponi, ad esempio, grazie all’elevato contenuto di ferro, antiossidanti, acido ellagico, (anti-cancerogeno) e Vitamina C, sono molto nutrienti e perfetti alleati contro l’invecchiamento. Le pere, invece, abbondano di potassio, fibre, Vitamina C e B. L’uva ha tante proprietà antiossidanti e sembra venirci in aiuto contro lo stress del rientro dalle vacanze, grazie al suo elevato contenuto di vitamine amiche del sonno come la vitamina B6, essenziale per rilassare i nervi e combattere l’insonnia.


SEMPRE IN TAVOLA

Il potere dimagrante del fagiolo

Tra i legumi di stagione, spicca il fagiolo (in tutte le sue varianti) dal buon contenuto proteico, ricco di fibre, e proprio per questo, ideale per mantenere un buon livello il peso corporeo (oltre ad essere buona fonte di minerali, soprattutto calcio, fosforo, potassio, magnesio, ferro, zinco, rame, e di vitamine del gruppo B). Purtroppo in Italia, il suo utilizzo è ancora scarso: tra chi ne fa uso, poi, sono in molti a considerarli nulla più che un contorno. Eppure i legumi sono a tutti gli effetti anche un secondo piatto, un complemento di un primo piatto, un componente di un piatto unico. Addirittura, secondo studi pubblicati su autorevoli riviste scientifiche, consumare 130 grammi di fagioli, ceci, piselli, fave e lenticchie al giorno, farebbe perdere 340 grammi di peso grazie al loro alto potere saziante. Ad una condizione, però: vanno sempre mangiati insieme ai cereali per compensare l’assenza di alcuni aminoacidi essenziali come la lisina e la cisteina.


FOCUS

L’importanza dei trattamenti anti-age per la pelle

L’autunno imminente è la stagione per eccellenza di cura e prevenzione della pelle poiché le forti escursioni termiche, tipiche di questa stagione, e le condizioni meteorologiche mutevoli sono causa di diversi e importanti inestetismi (macchie solari, disidratazione, fotoinvecchiamento). E’ quindi fortemente consigliabile ricorrere a prodotti e trattamenti antiage, antiossidanti e nutrienti, ricchi di vitamine e principi attivi che ridonano tono migliorando la produzione di elastina e collagene, contrastano la secchezza e la perdita di elasticità e attenuano, infine, le rughe.