AUTOMOTIVE BOOM DI ASSUNZIONI: AUMENTO DI 597 DIPENDENTI IN UN ANNO

La crescita delle imprese prende velocità
Sempre più investimenti e addetti

di LUCA BACCOLINI
e GIAN FILIPPO GALLETTI

L’INDUSTRIA dell’auto di Bologna e provincia continua ad attraversare un favorevole momento espansivo. I dati dei bilanci 2017 confermano l’andamento positivo iniziato ormai alcuni anni fa e che oggi sembra inarrestabile. Evidente è la crescita dimensionale del settore tutto: il fatturato aggregato delle imprese che lo compongono si è incrementato del 13% passando da 4,4 miliardi nel 2016 ai 5 miliardi fatti registrare nel 2017. Le società presenti nel campione hanno altresì aumentato il livello degli investimenti complessivi, passati da 5,6 miliardi del 2016 ai 5,9 miliardi del 2017 (+6%). Infine, ed è questo il dato più rilevante per il tessuto economico-sociale del nostro territorio, le aziende dell’automotive hanno incrementato significativamente il proprio organico nel corso dell’anno 2017: i dipendenti complessivamente impiegati dalle imprese del settore sono stati 597 in più rispetto all’anno precedente, raggiungendo le 8.583 unità complessive.

QUAL È IL PESO specifico del settore all’interno del panorama delle Top 500 imprese bolognesi? Stiamo parlando di 43 società (su 500) che generano il 7,5% del fatturato aggregato delle Top 500, investono il 7,5% degli impieghi complessivi e hanno in organico il 3,8% dei dipendenti complessivamente assunti dalle 500 più grandi imprese di Bologna e provincia (tutti e tre i valori in lieve aumento rispetto all’anno precedente, a dimostrazione della crescente importanza del settore Automotive nell’economia del territorio bolognese). Delle 43 società sopra ricordate, 9 svolgono attività nell’ambito della filiera di produzione mentre 34 sono aziende concessionarie.

COMPLESSIVAMENTE, il comparto ha fatto registrare nel 2017 una redditività in crescita rispetto all’anno precedente: il Roe (che misura la redditività che l’azienda è stata in grado di offrire ai propri soci) mediano è passato dal 9,2% del 2016 al 12,1% del 2017, mentre il Roi (che indica la redditività degli investimenti aziendali) mediano è passato dal 3,5% del 2016 al 4,5% del 2017. E’ in aumento anche la redditività delle vendite (misurata dall’indice Ros) il cui valore mediano si attesta nel 2017 al 2,3% contro il 1,9% dell’anno precedente.

A CONFERMA della rilevanza del settore Automotive nel panorama delle Top 500 imprese di Bologna e provincia, è dato rilevare che la redditività mediana prodotta dal comparto nel 2017 è significativamente superiore al dato fatto registrare dalle restanti società in graduatoria (industria dell’auto esclusa). Basti pensare che il Roe mediano delle Top 500 (automotive escluso) è pari nel 2017 al 9%, mentre il Roi mediano delle altre società in graduatoria (sempre automotive escluso) è stato pari nel 2017 al 4,1%.

IN CONCLUSIONE, l’analisi dei dati raccolti mostra come nel 2017 l’industria dell’auto bolognese abbia confermato di attraversare un favorevole momento di crescita. Dimensione e redditività sono entrambe in aumento, con performance superiori a quelle del più ampio panorama delle prime 500 imprese di Bologna e provincia.