Dichiarazione del prossimo anno: confermati bonus casa e riqualificazione energetica

Così si possono programmare interventi sul proprio edificio nel 2019

Per la dichiarazione dei redditi del prossimo anno sono previste molte conferme, meglio esserne a conoscenza per poter programmare interventi sulla nostra casa nel 2019 che usufruiranno della detrazione d’imposta.Viene prorogata la detrazione del 50% per le spese di ristrutturazione della casa sostenute fino al 31/12/2019 (in luogo del 31/12/2018). Inoltre, il bonus ristrutturazione spetta, a determinate condizioni ed in riferimento al solo sisma-bonus, anche agli Istituti autonomi per le case popolari, agli enti aventi le medesime finalità sociali e alle cooperative di abitazione a proprietà indivisa. Viene prorogata la detrazione delle spese sostenute entro il 31/12/2018 (in luogo del 31/12/2017) per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe A+ (A per i forni), a condizione che l’intervento principale cui si riferisce il bonus mobili sia iniziato dal 1/01/2018 (in luogo del 1/01/2017).Viene prorogata la detrazione del 65% alle spese sostenute fino al 31/12/2019 sulle singole unità immobiliari e conferma della scadenza del 31/12/2021 per quelle eseguite sulle parti comuni condominiali di edifici.è importante sapere che le spese relative: • all’acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi;• alle schermature solari;• alla sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal Reg. UE n. 811/2013;godranno, anche per l’anno 2019 di una detrazione “depotenziata” del 50%.Bonus verde Confermata per il 2019 la detrazione del 36%, da ripartire in 10 quote annue di pari importo, entro un tetto massimo di spesa detraibile di 5.000 euro, per le opere di sistemazione a verde, di realizzazione di coperture a verde, giardini pensili, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi su edifici esistenti.La detrazione compete sia in riferimento a opere su singole unità immobiliari, sia se relative a parti comuni condominiali. Si tratta, ad esempio, della realizzazione dell’impianto automatico di irrigazione con acquisto e posa in opera di cisterna interrata, realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili, ecc. è necessario che il pagamento delle spese avvenga con sistemi tracciabili.—————A cura del CAF di Cna Bologna – www.bo.cna.it


Detrazioni Irpef per chi soffre di Disturbo Specifico di Apprendimento

Continua ad applicarsi anche per il 2019 la detraibilità delle spese per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale; la misura è pari al 19% per un importo non superiore a 250 euro annui, anche se sostenute nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico.Anche per il 2019 si applica una detrazione Irpef del 19% a favore di studenti, sia minorenni che maggiorenni, con diagnosi accertata di disturbo specifico di apprendimento (DSA). La detrazione spetta, fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado, in riferimento all’acquisto di strumenti compensativi, sussidi tecnico/informatici per apprendimento, comunicazione verbale e lingue straniere.