EDITORIALE

 

 

 

2018, anno della svolta?

di Matteo Naccari

IL 2017 SI È CHIUSO CON UN SORRISO e il 2018 ne promette altrettanti. In Emilia Romagna e tutto sommato anche nelle Marche, alle prese con una ricostruzione post terremoto difficile e ingarbugliata, l’economia si è rimessa in moto e pian piano le ferite che ha lasciato la crisi si stanno rimarginando. Da Piacenza a Rimini, l’Emilia Romagna è tornata a essere una delle locomotive d’Italia con un aumento del Pil, e quindi della ricchezza prodotta, senza pari nel Paese, a esclusione della Lombardia. Il tessuto imprenditoriale, seppur falcidiato da anni di vacche magre, dà segnali importanti, l’export è frizzante e il territorio attrae investimenti, anche da fuori confine. Un po’ più in giù, da Pesaro ad Ascoli, invece, le grandi aziende si stanno godendo gli investimenti degli ultimi anni, l’industria 4.0 è una realtà, anche se i più piccoli continuano a soffrire. Insomma, si può guardare avanti con ottimismo, seppur l’incognita elezioni – con l’instabilità che si porta dietro – pesi con un macigno su tutto il sistema economico. L’Italia ha bisogno di essere modernizzata, tasse e burocrazia sono sempre un fardello – da quanti anni ce lo diciamo e nessuno fa nulla? – , le infrastrutture sono ancora carenti in molte zone e solo una classe politica all’altezza può invertire la tendenza. Il problema è che all’orizzonte, per ora, non si vede nessuno in grado di dare finalmente una sterzata e quindi, come sempre, agli imprenditori toccherà fare da soli. Le richieste e le proposte, di chi guida le principali associazioni, e che riportiamo nelle pagine di Top Aziende, sono precise e spaziano, come accennato, dal taglio della burocrazia agli incentivi per l’innovazione, dalla spinta alle aggregazioni agli investimenti sull’attrattività dei territori. Speriamo che siano ascoltati. Solo così il 2018 potrà essere l’anno della svolta definitiva.

 

Come si leggono le tabelle di Top Aziende

I dati pubblicati sono estratti dalle dichiarazioni effettuate annualmente dalle imprese
alle Camere di commercio e sono stati elaborati secondo le seguenti procedure
1) Inoltro degli atti alla camera di Commercio di competenza:
• le imprese inoltrano con modalità telematica, gli atti (modulo di accompagnamento, prospetto
contabile, verbale d’assemblea, .. .);
• vengono eseguiti dei controlli di tipo formale quali:
– che gli atti presentati sono relativi all’impresa denunciante;
– la presenza di tutti gli atti previsti ed elencati nel modulo di accompagnamento;
– verifica che nel verbale d’assemblea vi sia l’approvazione del bilancio;
I documenti così raccolti vengono inoltrati agli archivi centrali di lnfoCamere.
2) Trattamento degli atti:
• prima di inserire gli atti negli archivi ottici e renderli disponibili al pubblico si esegue una
ulteriore verifica sia sulla completezza degli atti ricevuti e sia sulla “leggibilità” degli stessi;
• l’estrazione dei dati di interesse dal prospetto contabile awiene per il tramite di procedure
informatiche automatizzate;
• tutti i dati così estratti subiscono un ulteriore controllo manuale;
• i dati relativi al Valore della Produzione ed Utile/Perdita sono letti dalle poste di bilancio
“Valore della Produzione” ed “Utile/Perdita”;
• Il dato relativo al Fatturato è il dato presente nella posta di bilancio “Ricavi e vendite da
prestazioni”, nel caso di bilancio appartenente al comparto IC (Industriali, commerciali e di
servizi e relativo IAS).
• Nel caso di Bilanci appartenenti al comparto PL (pluriennali e relativi IASJ il dato relativo al
Fatturato è così calcolato: A. 1. Ricavi delle vendite e delle prestazioni (Conto economico)
+ A.3. Variazione dei lavori in corso (+-)(Conto economico}, in assenza della voce A.3.
Variazione dei lavori in corso(+-) il dato è calcolato come: A.1. Ricavi delle vendite e delle
prestazioni (Conto economico)+( A.2. + A.3. Totale variazioni (+/-))(Conto economico)
• le tabelle non contengono i bilanci che non sono stati redatti secondo lo schema della IV
direttiva CEE in materia di bilanci.
N.B. le aziende oggetto di analisi sono quelle il cui ultimo bilancio disponibile era presente negli archivi Cerved
alla data di elaborazione dei dati del 30 Ottobre 2017

2018-02-06T16:10:10+00:00 Argomento: ECONOMIA|