L’importanza della clorofilla: sostanza brucia-grassi contro la fame nervosa

Spinaci e dintorni / Importante alleata per perdere peso poiché in grado di placare l’appetito, eliminare le tossine, sgonfiare e depurare il nostro organismo

Tutti sanno cos’è la clorofilla e in molti l’associano esclusivamente all’immagine di linfa che scorre nelle piante e nelle foglie degli alberi e che permette la famigerata fotosintesi clorofilliana. Ancora pochi, invece, sanno che la clorofilla è alleata importante per perdere peso poiché in grado di alleviare la fame nervosa, bruciare grassi e sgonfiare l’intestino. Inoltre pare che aiuti anche la flora batterica e il nostro organismo a favorire la depurazione. Ma quali sono gli alimenti che la contengono? La sorgente principale di clorofilla si trova nelle verdure a foglia verde molto scura: ne sono ricchi gli spinaci, i broccoli, il cavolo, la cicoria, e l’alga spirulina. Il modo migliore per assorbirla è quella di mangiare questi ortaggi crudi o cotti proprio in maniera leggera, pertanto è molto importante che le verdure siano il più fresche possibile. Inoltre, pare che aiuti la flora batterica e il nostro organismo ad eliminare le tossine e a favorire la depurazione.


Focus

La natura,vera alleata del benessere

Intorno a noi esiste un universo di piante di cui solo in minima parte conosciamo le reali potenzialità. Basti pensare alla spirulina – che vanta un passato glorioso: era conosciuta e apprezzata già dagli Aztechi – utilizzata per stimolare il sistema immunitario o l’aloe vera che se bevuta ogni mattina svolge un’efficace azione ricostituente e rimineralizzante grazie al suo elevato contenuto di vitamine e minerali e che, in più, rinforza le difese immunitarie. E tanti altri sono gli elementi di origine naturale che contribuiscono al nostro benessere. Le foglie di corbezzolo, infine, hanno come proprietà primaria quella antisettica delle vie urinarie e dei reni.


Dall’oriente, le alghe sulle tavole italiane

Le proprietà / Alimenti proteici e ricchi di sali minerali e di vitamine

Negli ultimi anni, la cucina mediterranea è stata contaminata da diversi alimenti proveniente dal mondo. Uno degli eventi più lampanti è rappresentato dalle alghe, tipiche delle cucine cinesi e giapponesi. Le alghe sono proteiche, proprio come il pesce, ricche di vitamine (dei gruppi A B C E K) come le verdure e di sali minerali. Ed oltre a questo, sono anche molto poco caloriche. Sono ricche di calcio, ferro, magnesio, sodio, potassio, fosforo zinco e selenio e riescono ad assorbire i metalli pesanti che si accumulano nell’organismo e che quindi possono causare anche dei disturbi al sistema respiratorio o delle allergie. Infine, le alghe fanno anche bene al cuore ed aiutano ad aumentare le risposte del sistema immunitario e a regolare anche il metabolismo per tenere sotto controllo il peso. Non tutti però possono mangiare le alghe (a causa della grande quantità di iodio) pertanto è bene non abusare con le quantità e consultarsi prima con un medico.