Biciclette, la mobilità del futuro è sostenibile

Incentivi fino a 500 euro per l’acquisto di mezzi a due ruote non inquinanti: dai monopattini alle e-bike. A maggio boom di vendite (+60%)

A maggio, durante il lockdown, le ricerche online dedicate all’acquisto delle biciclette sono aumentate di circa il 220%. Non a caso, tra le misure inserite all’interno del decreto Rilancio per far ripartire i consumi e spingere sulla mobilità sostenibile, spunta anche il bonus bicicletta. Un contributo pari al 60% della spesa sostenuta – e comunque non superiore a 500 euro – per l’acquisto di un veicolo non inquinante a due ruote: dalle bici, anche a pedalata assistita, fino ai veicoli per la mobilità personale a propulsione elettrica, come monopattini, hoverboard e segway. L’annuncio dell’incentivo ha già spinto il mercato tanto che, secondo Confindustria Acma, proprio a maggio «le vendite di bici tradizionali e a pedalata assistita sono cresciute del 60%». Il rimborso. Da corsa, city bike, mountain bike, e-bike: un contributo del 60% che consente così, se si acquista ad esempio un veicolo da 300 euro, un rimborso di 180 euro. Per ottenere il massimo, cioè 500 euro, è necessario arrivare ad acquistare un mezzo da 833 euro: una cifra che si avvicina molto ai modelli base di e-bike o dei monopattini elettrici. L’obiettivo è anche quello di incentivare l’industria italiana del ciclo, prima in Europa con 250 aziende e 1.25 miliardi di fatturato, per un circuito di negozi nel Paese che comprende 2.600 attività, dai punti specializzati alle catene del tempo libero e sport, fino ai centri commerciali. Il bonus può essere richiesto dai maggiorenni – o dai minorenni, ma attraverso i genitori o altri parenti –, che abbiano la residenza nei capoluoghi di regioni o di provincia, o nei Comuni con una popolazione superiore a 50mila abitanti. Nel complesso, si tratta di circa 26milioni di italiani interessati. Le modalità. Per ottenere il bonus, bisogna aver acquistato una bicicletta – o uno degli altri mezzi indicati – a partire dal 4 maggio e fino al 31 dicembre di quest’anno. Ma è utile anche per ottenere uno sconto sugli abbonamenti di sharing individuali: esclusi quelli per le auto; ammessi, invece, quelli per gli scooter elettrici. Possono essere acquistati anche veicoli usati, a patto che venga rilasciata una fattura fiscale, mentre l’incentivo non riguarda accessori come caschi, batterie, catene o lucchetti. Il portale. Proprio in questi giorni, dovrebbe essere attivato il portale online, sul sito del ministero dell’Ambiente, attraverso cui poter richiedere il contributo. «Ma non ci sarà nessun ‘click day’», assicura il ministro Sergio Costa, parlando di incentivi per tutti e non una corsa folle al rimborso. Una volta attivato il canale telematico, l’iter dovrebbe prevedere i seguenti passaggi: chi ha già acquistato il mezzo, dovrà registrarsi sul sito e caricare la fattura dell’acquisto per attendere l’accredito sul conto corrente bancario o postale. Probabile la necessità di utilizzare, anche in questo caso, delle credenziali Spid. Una volta completata la procedura, il portale sarà in grado di generare il buono, da presentare al commerciante, che dovrà essere accreditato con il ministero e lo sconterà, a sua volta, direttamente in fattura.


LE ALTRE MISURE

Auto, scooter e trasporto pubblico

Oltre al Bonus bicicletta, in forma cumulabile, dal primo gennaio 2021 dovrebbe con molta probabilità diventare operativo anche il Buono mobilità. Si tratta di un incentivo, da 1500 euro per le vetture e 500 per i motocicli, di cui potrà beneficiare chi rottama un autoveicolo di classe euro 3 – o inferiore – oppure un motociclo omologato fino alla classe euro 2 ed euro 3 (se a due tempi). Il buono potrà essere utilizzato anche per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale, biciclette (anche a pedalata assistita) e veicoli non inquinanti e a propulsione prevalentemente elettrica. Un ulteriore incentivo che vuole spingere la popolazione a una transizione all’energia ‘green’, attraverso una serie di agevolazione pratiche per acquistare mezzi di uso quotidiano.