L’animazione del banchetto di nozze: idee e tendenze

Spettacolo / Secondo le proprie inclinazioni, con gusto e creatività

Un matrimonio è (anche) una festa, e il banchetto il suo momento centrale: come renderlo allora un vero happening da ricordare piacevolmente? Ci sono diversi modi, e wedding planner specializzati per consigliarvi.Si può scegliere per esempio un uso creativo delle foto, creando un photobooth nel quale mettersi in posa. Magari attrezzato con fotocamera e stampantina, per ottenere simil Polaroid da esporre o tenere come ricordo.Anche lo storytelling è un’ottima soluzione di intrattenimento. Operatori specializzati possono per esempio partecipare come giornalisti in incognito al ricevimento, raccogliere impressioni in giro e quindi assemblarle in una rivista da stampare e consegnare agli invitati.E se, invece, preferite il divertimento sfrenato, cosa di meglio di preparare una vera area giochi, con gonfiabili e altre strutture mobili per spassarsela e tornare un po’ bambini? Insomma, si può fare molto per l’intrattenimento, e la scelta dipende molto dal vostro gusto e, nel caso, dalle capacità dello staff che si occuperà di pianificare il ricevimento.


MUSICA

Cosa suonare al ricevimento

Un classico dei matrimoni: il gruppo musicale in competizione con il DJ per l’egemonia sonora. Chi scegliere? Molto dipende dall’idea di festa che avete in mente. La musica dal vivo è ancora importante per alcuni momenti topici, specie nei ricevimenti più classici, mentre far ballare i presenti è arduo senza suonare le hit del momento. Insomma, l’ideale è combinare le due cose, organizzando l’evento in sequenze distinte, ciascuna con la sua colonna sonora.


Finale…coi bottiSuggestioni a cielo aperto

Fuochi d’artificio / Sempre più spesso vengono scelti per concludere la festa

Non solamente fuochi d’artificio, ma uno spettacolo pirotecnico combinato alla musica: una tendenza degli ultimi anni in crescita costante, quella dello spettacolo piromusicale. Può essere una conclusione del banchetto davvero suggestiva, in cui l’effetto scenografico di luci e colori fa da contrappunto a musiche scelte con cura. Perché ciò avvenga servono però esperienza e professionalità, in quanto sincronizzare i due elementi presuppone ottime conoscenze tecniche e pratiche: importante è allora evitare i tecnici improvvisati o, peggio, il fai-da-te e rivolgersi agli operatori specializzati. Loro compito è consigliare al meglio i futuri sposi, lasciare alla coppia la scelta delle musiche che sentono più adatte e significative e quindi proporre le giuste idee per accordare suoni ed effetti speciali. Se ben pianificato, il risultato lascerà a bocca aperta i presenti e, naturalmente, i protagonisti: gli sposi. © riproduzione riservatA