Giocare all’aperto fa bene ai bambini
anche quando il termometro scende

Salute / Rinchiudere i piccoli in casa con il timore che possano ammalarsi non è una scelta saggia: star fuori in inverno limita la sedentarietà

Il freddo non deve certo farci paura. Soprattutto quando in famiglia ci sono dei bambini. Trascorrere i pomeriggi chiusi tra le quattro mura non è affatto la soluzione migliore per evitare che i piccoli di casa si ammalino. Anzi, molto spesso, conviene passare del tempo all’aperto perché in tali spazi il rischio che possano essere trasmesse malattie è più basso. Negli ambienti caldi, come le scuole, invece, i virus e i batteri proliferano alla grande e data la vicinanza passano con molta facilità da un bambino all’altro. Stare all’aria aperta, inoltre, soprattutto quando c’è un po’ di sole, è fondamentale per fissare la vitamina D, utile nella prevenzione delle infezioni, nonché nel metabolismo del calcio. In inverno, certo, la luce del sole non sempre fa compagnia ed è per questo che i pediatri consigliano di assumere integratori di vitamina D. Gli spazi migliori per far giocare i bimbi sono i parchi e i cortili: i piccoli fanno più movimento e trascorrono meno tempo davanti a tv e videogiochi.


Socializzazione

In compagnia per vivere meglio

Un altro motivo che dovrebbe spingere le mamme e i papà a far giocare i propri figli all’aria aperta anche in inverno è di natura psico-fisica: star fuori casa in compagnia dei coetanei stimola la creatività e rende molto più semplice il processo di socializzazione.
Giocare insieme ad altri serve a comprendere le regole e l’importanza che vengano rispettate. Passare del tempo fuori casa, dunque, fa bene sia alla salute fisica che allo sviluppo psicologico dei più piccoli.
Alcuni studi hanno anche dimostrato che frequentare gli spazi esterni verdi è funzionale a ridurre i sintomi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Più parchi e giochi in compagnia di amici e meno ore con lo smartphone.


A tu per tu con la natura per crescere sani

Abiti / Abbigliamento a cipolla per non sudare o prendere freddo

Muoversi all’aria aperta, rincorrere gli amici, arrampicarsi sugli alberi. I bambini devono divertirsi e sperimentare tutta una serie di movimenti che li renderanno più autonomi e meno timidi quando saranno più grandi. Ecco perché anche in inverno i piccoli devono poter giocare in un parco o in un cortile con le dovute precauzioni. Stare rintanati in casa, mangiucchiando cibo spazzatura, non serve che ad aumentare il rischio di obesità. Inoltre giocare in spazi aperti è importante anche per avere una maggiore consapevolezza del proprio corpo e del territorio circostante. Uno degli aspetti apprezzabili, infatti, è proprio quello del contatto con la natura: i bambini possono “toccare con mano” il cambiamento tra una stagione e l’altra, raccogliendo le foglie, osservando i colori del prato, passando le dita sul terreno. Tutte sensazioni che non si possono provare a casa. Con vestiti comodi e magari con abbigliamento a cipolla, i piccoli non prenderanno freddo e non correranno il rischio di ammalarsi.