In partenza

Viaggiando s’impara grazie alle vacanze studio
Ecco in cosa consistono

Un’opportunità di crescita davvero a 360 gradi

Studiare, imparare, crescere: con questi tre termini si potrebbero riassumere i benefici delle vacanze-studio. E che la vacanza studio faccia la differenza sul curriculum vitae lo hanno capito anche i ragazzi stessi: non a caso, secondo una recente ricerca condotta dalla Fondazione Intercultura, conoscere le lingue è una skill fondamentale per avere successo per ben il 46% degli adolescenti italiani fra 14 e 19 anni. E se, appunto, imparare – o migliorare – la lingua straniera sembra la ragione più ovvia per partire per una vacanza studio in qualche angolo del mondo, sono in realtà moltissimi altri i vantaggi di questa scelta. Vivere lontano da casa, ad esempio, è una sfida che in molti si sentono di accettare: un buon esercizio per acquisire apertura mentale e indipendenza, senza però rinunciare alla protezione e all’affidabilità dei tour operator che organizzano questo tipo di vacanze. Inoltre, studiare all’estero dà la possibilità di ampliare i propri orizzonti incontrando altre culture e di incrementare le proprie amicizie.
www.portaledeigiovani.it


Dedicato ai figli dei dipendenti pubblici

Una delle novità più interessanti introdotte da qualche anno in ambito vacanze studio, riguarda i figli di dipendenti pubblici che possono partecipare al bando Estate INPSieme. In base ai requisiti del singolo candidato, prevede l’erogazione di un contributo parziale o totale per effettuare una vacanza studio in Paesi europei ed extra europei, oppure in Italia. La novità di quest’anno è la possibilità scegliere anche paesi extra europei.


SUMMER SCHOOL

Una valida alternativa da conoscere

In italiano si dice scuola estiva ed altro non è che una scuola o, più in generale, un programma sponsorizzato da un istituto, un’accademia, un’università o un college, che svolge corsi durante le vacanze estive, in particolare nei mesi estivi. Parteciparvi significa trascorrere parte delle proprie vacanze approfondendo un tema di studio o di attualità, entrare e frequentare un’università straniera, praticare una lingua straniera, prendere contatti, fare nuove amicizie, conoscere nuove culture. I costi di partecipazione variano in base all’istituto che si sceglie.

2018-06-04T11:43:30+00:00Argomento: FAMIGLIA|Speciale |