Cause, sintomatologia e consigli pratici
per riconoscere e superare l’ipotensione

Alimentazione e sport i primi alleati della prevenzione

L’ipotensione, o pressione bassa, è un fenomeno comune e generalmente transitorio: il semplice passare dalla posizione seduta a quella eretta può favorire un sensibile sbalzo pressorio, così come la temperatura elevata, per esempio d’estate. D’altra parte, quando il fenomeno si fa persistente si è spesso in presenza di disidratazione, anemia o debilitazione, quando non di una patologia a carico dell’apparato gastrointestinale, del sistema nervoso o di quello endocrino. In questi ultimi casi la terapia va rivolta alla causa primaria, negli altri occorre in primo luogo riconoscere l’ipotensione. Il fenomeno può infatti manifestarsi in forme talmente generiche da essere attribuito ad altre cause, tipicamente con stanchezza, mal di testa o nausea. Sintomi più seri sono invece pallore, sudorazione accentuata, annebbiamento della vista e il classico svenimento. Correggere l’alimentazione aumentando il dosaggio di sali ed energizzanti (ma con moderazione per non appesantire la digestione), in alcuni casi aggiungere specifici integratori a base di magnesio e potassio, consente in genere di ripristinare il normale funzionamento dell’organismo.


ALIMENTAZIONE PICCOLI ACCORGIMENTI PER “TIRARSI SU” CORREGGENDO LA PROPRIA DIETA ABITUALE

Più sale, frutta e verdura per ripartire di slancio

Alzare i valori pressori non è difficile, il problema magari è non esagerare… Il ricorso massiccio a sali ed energizzanti quali caffè e cioccolato può infatti risultare controproducente, oltre a squilibrare il funzionamento del nostro organismo nel verso opposto. In generale l’integrazione della dieta in senso energetico deve essere sempre moderata e graduale: sì, dunque, a un maggiore apporto di sale, cioccolato (magari fondente) e caffè, ma in linea di massima meglio rivolgersi a frutta e verdura di stagione per ottenere un effetto più duraturo e controllato. Da ridurre invece l’apporto di carni rosse, zuccheri e cibi raffinati, che possono appesantire la digestione, come anche l’assunzione di alcolici: bene un bicchiere di vino durante i pasti, male se i bicchieri aumentano perché di pari passo aumenta la vasodilatazione e diminuisce la pressione.


SPORT

Ginnastica isometrica:
fare esercizio fisico restando fermi

Il più famoso esercizio è il plank: si poggia il corpo su gomiti e piedi e si resta fermi così. Facile a dirsi ma non lo è affatto! In generale, gli esercizi isometrici consistono nel mantenere una posizione per diverso tempo, praticando una contrazione statica dei muscoli coinvolti. Pratici perché non servono attrezzature particolari, solo eventualmente una resistenza esterna (per esempio un muro), comodi anche per chi ha problemi motori perché si possono fare da seduti, questi esercizi sono indicati anche per l’ipotensione in quanto favoriscono la vasocontrazione e quindi l’innalzamento dei valori pressori.