Sisma bonus: cos’è e come funziona
una delle ultime novità introdotte

Contenuto nella Legge di Bilancio, incentiva lavori di messa in sicurezza

Le novità bonus casa 2019 che l’attuale Governo ha confermato con la nuova Legge di Bilancio riguardano le detrazioni che spettano a chi ristruttura casa e/o fa interventi di risparmio energetico o fa prevenzione ed interventi antisismici. Proprio per quanto riguarda questi ultimi, approfondiamo la conoscenza del cosiddetto “sisma bonus”, ovvero l’agevolazione fiscale prevista per interventi volti a favorire ed incentivare la messa in sicurezza e l’adeguamento antisismico degli edifici presenti nel territorio italiano. La detrazione può essere richiesta per le somme spese nel corso dell’anno e può essere ceduta se relativa a interventi effettuati su parti comuni di edifici condominiali. Per le spese sostenute dal 1º gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, spetta una detrazione del 50%, che va calcolata su un ammontare massimo di 96.000 euro per unità immobiliare (per ciascun anno) e che deve essere ripartita in cinque quote annuali di pari importo. La detrazione è più elevata (70 o 80%) quando dalla realizzazione degli interventi si ottiene una riduzione del rischio sismico di 1 o 2 classi e quando i lavori sono stati realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali (80 o 85%). Inoltre, chi compra un immobile in un edificio demolito e ricostruito nei Comuni in zone classificate a “rischio sismico 1”, può detrarre dalle imposte una parte consistente del prezzo di acquisto (75 o 85%, fino a un massimo di 96.000 euro). Questa agevolazione è rivolta sia ai contribuenti soggetti all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) sia ai soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società (Ires). (fonte: www.agenziaentrate.gov.it)


FOCUS

Maggiori detrazioni per lavori di risparmio energetico

Le spese relative ad interventi effettuati su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 che comportano oltre alla riduzione del rischio sismico anche la riqualificazione energetica potranno beneficiare di un bonus potenziato. Infine, una delle novità introdotte con l’emanazione del decreto attuativo del sisma bonus, è la corsia preferenziale per i piccoli interventi di adeguamento antisismico. Per determinare i miglioramenti di classi di rischio è stata semplificata la procedura in caso di interventi di rafforzamento, come l’installazione di catene d’acciaio volte a diminuire il rischio crolli.


IN CASA#1

Importanti agevolazioni fiscali per chi deve sostituire la caldaia

Fino al 31 dicembre 2019 tutti i contribuenti che sostengono spese per la sostituzione ed installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe energetica non inferiore alla A hanno diritto ad usufruire della detrazione IRPEF pari al 50% o al 65% in funzione delle caratteristiche tecniche della caldaia.


IN CASA#2

Arredamento meno oneroso conle facilitazioni sull’acquisto di mobili

L’agevolazione (detrazione Irpef del 50%) è stata prorogata dalla recente legge di bilancio anche per gli acquisti che si effettueranno nel 2019, ma può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio 2018.