Chance occupazionali: uno sguardo
ai corsi di laurea più “promettenti”

Prospettive / Purtroppo non tutti i corsi di laurea, una volta terminati, danno la sicurezza di trovare un lavoro in linea col proprio percorso formativo

Chi sceglie, dopo il diploma, di intraprendere un percorso universitario, può farlo per varie ragioni: per la volontà di imparare nuove cose, per approfondire i propri interessi… Sicuramente in molti lo fanno perché desiderano trovare un lavoro che valorizzi il proprio talento e rispecchi le proprie ambizioni. Purtroppo, però, non tutti i corsi di laurea, una volta terminati, danno la sicurezza di trovare un lavoro in linea con il proprio percorso formativo. Quali sono gli indirizzi di studio in cui ciò è più probabile? Il mercato del lavoro è in continua evoluzione e gli scenari futuri che si apriranno saranno legati anche all’evoluzione della pandemia. Studi basati sull’occupazione eff ettuati a distanza di un anno dalla laurea danno la conferma che la facoltà di Ingegneria è quella che off re maggiori chance occupazionali. Anche chi si iscrive ad un corso di laurea a indirizzo scientifico ha ottime probabilitá di lavorare a breve. Lo stesso vale per i laureati del settore sanitario e di quello chimico-farmaceutico.


Studiare per utilità o per passione?

Motivazioni / Le facoltà meno adatte se lo scopo è trovare subito lavoro

Gli studi sembrano confermare, purtroppo, anche un altro luogo comune: la laurea in Lettere è una di quelle che con cui risulta più diff icile trovare lavoro, almeno nel periodo immediatamente successivo al conseguimento del titolo. Spesso si dice infatti che chi affronta corsi di studio umanistici lo fa principalmente per alimentare la propria cultura e per la passione rispetto alle materie oggetto di studio. La questione in realtà è ben più complessa e sempre più si evidenzia scarsa attenzion nei confronti di professionisti che potrebbero lavorare a vario titolo nell’ambito della cultura, della comunicazione e del turismo. Nonostante la sua forte versatilità, anche la facoltà di Psicologia non si presenta tra quelle che permettono di trovare lavoro facilmente e a breve tempo. Infine, fanalino di coda nella classifica c’è inaspettatamente la facoltà di Giurisprudenza: sono finiti i tempi in cui questa laurea veniva vista come un titolo per trovare facilmente occupazione, complici il fatto che per anni non sono stati banditi nuovi concorsi e il gran numero di laureati in questa facoltà.


Digitale

Un possibile sbocco lavorativo

Durante questi mesi si è vista una grande ascesa dei servizi digitali e gli esperti dicono che le tendenze future si muoveranno nella stessa direzione. Potrebbe essere un’idea allora, considerando buone prospettive occupazionali, puntare su questo ambito di studi. Oltre alle tradizionali lauree in informatica e ingegneria informatica, molti atenei propongono corsi che prevedono le contaminazioni col mondo digitale: dai corsi in marketing digitale a quelli di informatica per le discipline umanistiche, dai corsi di comunicazione digitale a quelli di informatica per la didattica, consentono di coltivare i propri interessi acquisendo competenze utili per lavorare nel mondo di domani.