Legumi vs carne: salute in cucina in un regime dietetico equilibrato

Nessuna lotta / A tavola il loro valore nutritivo è paragonabile, ma non ci sono controindicazioni nel consumare i due alimenti nello stesso pasto

I legumi hanno vissuto, nell’ultimo secolo, periodi alterni nelle considerazioni di nutrizionisti e consumatori. Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, grazie all’aumentato tenore di vita della popolazione, si guadagnarono l’appellativo di “carne dei poveri”. Tale termine, però, screditava le loro preziose qualità nutritive e rifletteva la tendenza a consumare sempre più carni, latticini e derivati, considerati “prodotti del benessere”. In epoca più recente, dopo averne riscoperto le numerose proprietà e aver constato i pericoli di un eccessivo consumo di carne e latticini, i legumi sono stati decisamente rivalutati. Per incentivare il loro consumo qualcuno li descrive come alimenti ricchi di proteine nobili, paragonandoli di fatto alla carne. In realtà questo termine viene usato impropriamente, in quanto solo gli alimenti di origine animale hanno un profilo amminoacidico degno di tale aggettivo. Se per certi aspetti il valore nutritivo dei legumi è inferiore a quello della carne, per altri è persino superiore (anche dal punto di vista della sicurezza e della presenza di sostanze estranee). Legumi e carne devono quindi convivere in un regime dietetico equilibrato.


Consigli

Per evitare problemi digestivi

Il meteorismo dopo aver mangiato legumi è causato da zuccheri indigeribili che giungono inalterati fino all’intestino crasso, dove vengono fermentati dalla flora batterica. Per prevenire, quindi, problemi digestivi è consigliabile aggiungere all’acqua di cottura una cipolla, una carota e un gambo di sedano pressando i legumi; si ottiene una purea che riduce la fermentazione intestinale, migliorando digeribilità e assorbimento dei nutrienti. Per renderli più digeribili è bene mettere a mollo i legumi secchi eliminando quelli che vengono a galla e cambiare frequentemente l’acqua di ammollo.


Buone abitudini

Prevenzione delle malattie cardiovascolari

I fagioli si rivelano un importante alleato per il nostro cuore grazie alla lecitina che contengono in buone dosi. La loro azione di stimolo sull’intestino ne favorisce la regolarità e allo stesso tempo è in grado di ridurre l’accumulo dei grassi nelle arterie, prevenendo così le malattie cardiovascolari.


Lo sapevi?

Le proprietà “dimagranti”di fagioli & co.

Secondo autorevoli studi, consumare 130 grammi di legumi al giorno farebbe perdere 340 grammi di peso grazie al loro alto potere saziante. Ad una condizione: vanno sempre mangiati insieme ai cereali per compensare l’assenza di alcuni aminoacidi essenziali come la lisina e la cisteina.