«Sosteniamo l’export delle aziende»

Il presidente Boccaccini: «La tutela del credito è strategica»

«VANTIAMO un portafoglio clienti che ci rende la prima agenzia di assicurazione dei crediti commerciali in Europa». Alla 36esima edizione della fiera internazionale dell’ortofrutta partecipa ormai da diversi anni Creditpartner srl, con sede centrale a Ravenna.

Mario Boccaccini, presidente del consiglio d’amministrazione, di cosa si occupa l’agenzia?

«La Creditpartner è un’organizzazione che unisce professionalità qualificate del settore assicurativo per fornire un servizio efficace ed efficiente nella tutela dei crediti commerciali e del credit management tramite un patto forte fra collaboratori agenti e tecnici. Inoltre, gestisce l’Agenzia generale della Coface Assicurazione in Emilia-Romagna, un gruppo internazionale che si occupa dell’assicurazione dei crediti commerciali».

Avete altre sedi oltre a Ravenna?

«Sì, oggi Creditpartner vanta presenze qualificate in tutte le province della regione Emilia Romagna, oltre che ad Ancona e Pesaro, con clienti in tutta Italia e gruppi internazionali europei». Quando è nata la società?

«Siamo attivi già dal 1994 tramite Viscontea Assicurazioni, ma Creditpartner srl è stata costituita nel 2008 su iniziativa della Creditpartner sas che annovera al suo interno oltre a me, mio figlio Luca, che ha partecipato alla fase di fondazione e crescita dell’organizzazione del servizio alle imprese per la qualificazione del credit management, per l’assicurazione dei crediti commerciali e per il rilascio di garanzie fideiussorie».

Da quanti anni partecipate al Macfrut?

«Siamo presenti da almeno vent’anni. Inoltre, siamo azionisti di Cesena Fiera quindi il nostro ruolo all’interno della cornice di Macfrut assume un ruolo ancora più rilevante». Che legame c’è tra una società come la vostra e una fiera ortofrutticola?

«Quasi tutti gli operatori del settore ortofrutta assicurano i loro crediti e un numero importante lo fa con Coface, è per questo che partecipiamo sempre volentieri al Macfrut».

Di cosa vi occuperete in fiera?

«Saremo presenti per favorire l’internazionalizzazione della filiera ortofrutticola e per sostenere il network ispirato da Macfrut, con servizi, consulenze e prodotti assicurativi. Lo scopo di Coface e di Creditpartner è di costruire un mercato condiviso e allargato di scambi, monitorati e tutelati, realizzati tra imprese con adeguato grade finanziario, nel rispetto delle obbligazioni commerciali».

Le aziende della filiera ortofrutticola da voi assicurate riscontrano difficoltà economiche in questo periodo?

«Le imprese italiane sono ben gestite e riescono a competere garantendo qualità ed efficienza. La situazione è certamente non facile, ma sono aziende attrezzate ed insieme sviluppano iniziative tese a modernizzare il settore e ad attivare i cambiamenti necessari per affrontare un mercato in cui altri paesi, come la Spagna, sono molto agguerriti».

Cosa vi differenzia dagli altri operatori?

«Il servizio di prossimità, anche quando si tratta di aziende distanti dalle sedi agenziali. La relazione diretta e l’ascolto rappresentano qualità che la nostra società può garantire, rendendo il servizio un felice equilibrio tra automatismi, sicurezza e gestione del feedback».


SEMINARIO

Formazione tecnica specializzata con L’Informatore Agrario

TORNA a Macfrut la formazione tecnica specializzata firmata da L’Informatore Agrario, la storica rivista con sede a Verona che per il 5° anno consecutivo rinnova la partnership con Cesena Fiera e propone al 36° Fruit & Veg Professional Show tre workshop pratici e un convegno dedicato all’uva da tavola. In programma giovedì 9 maggio (ore 14.30, Sala Mimosa – pad. B6), il seminario mette a fuoco le innovazioni attualmente a disposizione per aumentare la redditività dell’uva da tavola in una chiave di sostenibilità. Tra i temi affrontati, quello della fertirrigazione, per garantire una nutrizione idrico-minerale più efficiente, quello del biocontrollo, per una difesa a basso impatto ambientale, e infine quello della copertura con materiali alternativi in grado di aumentare anche la qualità dell’uva. Partono invece già mercoledì 8 maggio i workshop pratici, che esordiscono a Macfrut 2019 con un focus su “Parassiti alieni, conoscerli per combatterli” (ore 14.30, Sala Mimosa – pad. B6). A fare il punto sulle minacce provenienti dalle specie non native, come l’Halyomorpha halys, la Drosophila suzukii, la Xylella fastidiosa e la Bactrocera dorsalis, è Domenico D’Ascenzo del servizio fitosanitario della Regione Abruzzo. Si parla invece di “Fertirrigazione del pomodoro: reddito e sostenibilità” nell’appuntamento del giovedì (ore 10.30, Sala Mimosa – pad. B6) tenuto da Pierluigi Meriggi di Horta, mentre sono le tecnologie per produrre fragole con elevata qualità organolettica in coltura protetta, analizzate da Carmelo Mennone dell’Agenzia lucana di sviluppo e di innovazione in agricoltura, il tema caldo dell’ultimo giorno di manifestazione (venerdì 10 maggio, ore 10.30). In collaborazione con Cesena Fiera L’Informatore Agrario organizza ogni anno i Macfrut Innovation Award, un riconoscimento volto a valorizzare le soluzioni più innovative del settore ortofrutta. Le aziende vincitrici saranno premiate mercoledì 8 maggio (ore 14.30, Conference Room pad. B2) nel corso di Macfrut.