Una sana alimentazione contempla anche
gli alleati del sistema cardiovascolare

I cibi salva-cuore da mangiare spesso

Gran parte dei problemi cardiovascolari deriva dalla genetica e da fattori legati allo stile di vita, quali fumo, sedentarietà, alcol e cattiva alimentazione.
Bisogna perciò fare le giuste scelte alimentari ed evitare le cattive abitudini, specie se la genetica non ci aiuta, per scongiurare i problemi legati al sistema cardiocircolatorio.
Contenere i valori del colesterolo totale e di quello LDL (meglio noto come “cattivo”), associati al rischio coronarico, è possibile con una dieta a basso indice glicemico, con alimenti ricchi di fibre (come i cereali integrali) e ad alto contenuto di Omega-3 e polifenoli, che, aumentando la circolazione sanguigna, scongiurano il rischio cardiovascolare. Tra questi, il caffè e il cioccolato per i più golosi, ma anche pesce azzurro, frutta secca, olive, fragole, mele, carciofi, cipolle e spinaci. Sostituire i grassi di origine animale con quelli di origine vegetale è poi essenziale, per cui sono banditi insaccati e burro, così come il troppo sale, le bevande gassate e zuccherine. Per la cottura, ideali sono quelle al lesso, al vapore o alla griglia.


Bevande

Il vino fa davvero buon sangue?
Un bicchiere pare di sì

Sebbene l’alcol sia sconsigliato per mantenere una buona circolazione cardiovascolare, tuttavia, il vino rosso fa eccezione. Uno-due bicchieri al giorno di questa gustosa bevanda sono infatti concessi, a beneficio, oltretutto, di una serie di condizioni dell’organismo; il vino, infatti, va ad abbassare il colesterolo cattivo e alza invece i livelli di quello buono, proteggendo quindi la circolazione del sangue dal rischio di cardiopatie ischemiche. Ricco inoltre di polifenoli e antiossidanti, il vino rosso si rivela inoltre un prezioso alleato per la linea, opponendosi allo sviluppo di adipociti.


Pesce appetitoso

Tortino di alici, pinoli e uvetta

Un modo sfizioso di mangiare il re dei pesci azzurri, le alici, è in un tortino con pinoli e uvetta; il risultato sarà un piatto gustoso e nutriente. Le alici contengono pochissimi grassi ma sono ricche di molti antiossidanti e omega 3, oltre che di vitamina A, B e D. Pinoli e uvetta, anche se ricchi di proteine e fibre vegetali sono anche molto calorici, quindi attenzione alle quantità!
Occorrono: alici, mollica di pane, uvetta, pinoli, aglio e olio.
– Metti a bagno l’uvetta e passala nel forno a 200° per farla tostare;
– Tosta leggermente i pinoli in padella aggiungendo un trito di aglio e prezzemolo;
– Bagna, strizza e sbriciola il pane;
– Unisci i pinoli, l’uvetta e l’aglio tritato amalgamandoli con l’olio;
– Cospargi, dopo averli oliati, degli stampini di pangrattato e metti le alici a raggera, con la coda fuori; riempi gli stampini con gli altri ingredienti e richiudili con la coda delle alici, spargendo nuovamente pan grattato sopra.
– Metti in forno per 15 minuti e poi…inizia a mangiare!