Bologna

Digital Paper: Speciale Fuoriporta

Alla scoperta del capoluogo felsineo esplorandone sotterranei e cavità
Rientrano nei tour anche la cripta di San Zama e la Conserva di Valverde

Esiste un’altra Bologna, quella delle acque, dei sotterranei, dei rifugi antiaerei e delle cavità artificiali. Gli appuntamenti di marzo con le visite guidate organizzate dall’associazione Amici delle vie d’acqua promettono grandi meraviglie. Una dopo l’altra c’è la possibilità di scoprire sabato 3 marzo, la Cripta di San Zama, sabato 10 marzo, la Conserva di Valverde detta dei Bagni di Mario e sabato 24 marzo, il rifugio antiaereo in galleria del Seminario Arcivescovile. La Conserva di Valverde è di epoca rinascimentale ed è stata realizzata per alimentare la Fontana del Nettuno e altre particolarità idrauliche come il Giardino dei Semplici. Scendendo nel sottosuolo si incontra, oltre a un vestibolo, una sala ottagonale dove sono state scavate otto piccole vasche destinate a raccogliere l’acqua proveniente da quattro condotti che si inoltrano nella collina di Valverde. Da questi l’acqua usciva depurata mediante un procedimento di decantazione. All’interno del primo cunicolo si segnala la particolarità di un camino di aerazione ricoperto da incrostazioni calcaree secolari. L’esperienza è davvero suggestiva. Sempre al livello superiore è presente una seconda piccola camera ottagonale, detta Cisternetta, dotata di una ulteriore vasca di decantazione, collegata alla sala principale. L’acqua che usciva da questa seconda camera scendeva fino al livello inferiore tramite una tubazione. Tutte le acque provenienti dal livello superiore procedevano all’interno di un cunicolo in mattoni fin nei pressi della chiesa di Santa Maria dell’Annunziata, dove si univano a quelle del condotto del Remondato che a sua volta raccoglieva le acque da san Michele in Bosco. Info: www.amicidelleacque.org


The Wall
A Palazzo Belloni

Questo di The Wall è un percorso espositivo che racconta il concetto di muro: da simbolo di incomunicabilità ed esclusione a protagonista di un’operazione culturale che apre a molteplici prospettive. La mostra a Palazzo Belloni è un invito a scoprire il muro psicologico, il muro pubblico, il muro funzionale, il muro sociale, il muro politico, il muro espressivo e il muro della memoria. Ognuna di queste dimensioni è esplorata a Bologna attraverso installazioni interattive, realizzate appositamente per la mostra, e con opere d’arte a tema realizzate da artisti di diverse epoche. C’è la possibilità di visitare la mostra per tutto il mese di marzo dal giovedì alla domenica dalle 10 alle 20.  Info: www.palazzobelloni.com


Corno alle Scale
Bimbi a spasso sulla neve per una passeggiata guidata nel bosco

Questa è una passeggiata dedicata ai più piccoli: nel bosco di Corno alle Scale con l’ausilio delle racchette da neve per osservare i segni di presenza degli animali nel Parco e scoprire tante curiosità. L’11 e il 12 marzo. Luogo, orario di ritrovo e caratteristiche sono definiti con l’iscrizione. Info: www.coopmadreselva.it


Oratorio San Filippo Neri
Così classico, così rock: da Debussy al 68
itinerario musicale intorno al Novecento

Il Mico (Musica insieme contemporanea) mette in mostra alcune interessanti espressioni musicali odierne, con prime di specialisti riconosciuti. L’appuntamento a marzo all’Oratorio San Filippo Neri di Bologna è “Così classico, così rock: da Debussy al 68. Itinerario musicale intorno al Novecento”. Info: www.musicainsiemebologna.it


Morbidissime? Yes! Bellissime? Yes, we are!
Arriva una sovrabbondante collezione femminile

Ho 20 anni, sono grassa e finalmente ho scoperto di essere bella! Ho 40 anni, sono grassa e finalmente ho scoperto di essere sexy. Ho 60 anni, sono grassa e finalmente ho scoperto di essere attraente! Tante voci, tante storie femminili che si incrociano, si mescolano, catalogate dall’occhio esterno solo con il termine: grassa! Avreste usato un altro vocabolo? Noi no! È un semplice appellativo, che colpisce tutti ma non toglie nulla alla nostra autostima personale, al nostro valore come donna. Donne radiose, coinvolgenti. Un mondo da scoprire. Siamo tante e tante altre cose insieme che nulla hanno a che vedere col nostro aspetto fisico. Se anche voi avete per tanto tempo rinunciato a guardarvi allo specchio, a tenervi lontane dalle vetrine dei negozi di abbigliamento pensando: non fa per me. Vi sbagliate! Lo spirito creativo, volitivo, eclettico di Miriam, titolare dell’atelier Morbidissime, il cui imperativo è non dimenticare mai di amare se stesse, ha creato Superior, una linea di abbigliamento sartoriale, con tessuti 100% Made in Italy e naturali, capace di vestire una misura realizzata ad hoc per noi: la sesta XL. La collezione, disponibile dal 3 marzo, è un inno a piacere e piacersi. Just as beautiful, bella così come sei!


Arte contemporanea russa al MAMbo

It’s ok to change your mind. Contemporary artists from Russia rende omaggio agli eventi di inizio del XX secolo e alle avanguardie storiche. In un momento di incertezza politica e sconvolgimenti sociali sul piano globale, l’azione artistica si traduce in qualcosa di effimero, ideale o personale. Le opere provengono dalla Collezione Gazprombank. A Bologna, Villa delle Rose, fino al 18 marzo 2018. Info: www.mambo-bologna.org


 

Ciaspolata illuminata dalla luna piena

Un’esperienza indimenticabile nel magico mondo imbiancato della montagna per ammirare la luna piena sul crinale. Meta finale della ciaspolata di gruppo del 3 marzo è il rifugio del Lago Scaffaiolo, dove i partecipanti sono invitati a una gustosa cena montanara. Il ritrovo è invece alle 18 presso il parcheggio della zona sciistica Corno alle Scale con rientro alle 23.30, dopo la sosta e la cena. Info: www.coopmadreselva.it

 


Future Film Kids

Prosegue anche a marzo con I Cortometraggi musicali del Future Film Festival (il 3) e I fratelli Dinamite (il 17) il programma di Future Film Kids ovvero proiezioni di film, cortometraggi e laboratori dedicati a bambini e ragazzi. Appuntamenti a Bologna in cinque sedi: Mast, Opificio Golinelli, Salaborsa Ragazzi, Mercato Sonato, Fico Eataly World. Info: www.futurefilmkids.org


Civiltà Villanoviana

È un filo antico quello che lega Villanova al paese di Verucchio. Entrambe le località sono state infatti siti di ritrovamenti nell’800. Da questa storia comune nasce l’idea di allestire presso il Museo della Civiltà Villanoviana una mostra con materiali provenienti dalle necropoli delle Caselle di Villanova di Castenaso e del Lavatoio di Verucchio. Info: www.comune.castenaso.bo.it


Locande e hotel

Il 19 marzo va in scena l’ultimo appuntamento con le conferenze-spettacolo con immagini della storia a teatro con Marco Poli. Dalla seconda metà dell’800 anche a Bologna cominciarono ad aprire alberghi e hotel che sostituirono le antiche locande. Alcuni di essi erano lussuosi e ottimamente attrezzati e ospitarono grandi personalità. Al Teatro Dehon. Info: www.teatrodehon.it


La Fabbrica di Apollo

La fabbrica di Apollo, rassegna di musica e teatro, è organizzata da un gruppo di artisti e operatori culturali, con la collaborazione dell’amministrazione comunale, del Centro culturale anzolese, dell’Anzola Jazz Club Henghel Gualdi e della Pro Loco. Prossimo appuntamento in calendario il 2 marzo con Piccola compagnia dei contrari “Non solo maschere”. Info: www.comune.anzoladellemilia.bo.it


Come arrivare a Anzola dell’Emilia

Da Bologna: imboccare la Via Emilia per Borgo Panigale in direzione Modena. Via autostrada da Firenze: dall’A1 uscita Bologna-Casalecchio di Reno, la tangenziale fino all’uscita 2, prendere la Via Emilia.


L’allenatore Arpad Weisz dal successo alla tragedia
Portò la squadra di calcio rossoblù alla vittoria

Il Museo Ebraico di Bologna propone una mostra su Arpad Weisz l’allenatore ebreo ungherese che dal 1935 al 1938 portò la squadra di calcio del Bologna a vincere per due volte consecutive lo scudetto e la prestigiosa Coppa del Torneo dell’Esposizione di Parigi nel 1937. Le tavole illustrate tratte dal volume di Matteo Matteucci, Arpad Weisz e il Littoriale raccontano le vicende calcistiche e storiche a Bologna tra gli anni Venti e Trenta: dall’inaugurazione dello Stadio nel 1926, con la presenza di Mussolini, agli anni nei quali la squadra del Bologna “che tremare il mondo fa”, all’epoca vincente in Italia e in Europa, è` guidata dall’ungherese Arpad Weisz. In mostra, oltre alle tavole di Matteucci, propone fotografie, filmati e documenti inediti, oggetti e memorabilia legati a Weisz e alla sua famiglia, al Bologna Calcio e ad alcuni dei suoi protagonisti del tempo. Appuntamento fino al 18 marzo al Museo Ebraico di Bologna, da domenica a giovedì dalle 10 alle 18 (venerdì dalle ore 10.00 alle ore 16.00). Info: www.museoebraicobo.it


Il sindaco del Rione Sanità va in scena

Martone dirige per la prima volta un testo di Eduardo e sceglie di farlo affrontando un progetto culturale dal forte senso politico e civile. Il sindaco del Rione Sanità è uno dei testi che Eduardo De Filippo ebbe più cari. Protagonista è Antonio Barraccano, che amministra le vicende del rione come un uomo d’onore. Dal 27 al 30 marzo 2018 all’Arena del Sole di Bologna, Sala Leo de Berardinis. Info: bologna.emiliaromagnateatro.com


Click Clack: installazioni cinetiche

Fino a giovedì 15 marzo Adiacenze mette in mostra Click Clack. Virgilio Villoresi espone per la prima volta le sue macchine cinetiche all’interno degli spazi bolognesi. Flip book e zootropi, lampade ottiche e lanterne magiche, realizzati con cura attenzione e maniacalità con oggetti di riciclo e singole componenti stampate in tre dimensioni sono allestiti come oggetti di retro-design interattivi. Info: www.adiacenze.it


Geppi Cucciari con “Perfetta” a teatro

Perfetta è un monologo teatrale con Geppi Cucciari che racconta un mese di vita di una donna attraverso le quattro fasi del ciclo femminile. La protagonista conduce una vita regolare, scandita da abitudini che si ripetono ogni giorno e che, come tutte, lotta nel mondo. Il suo corpo è una macchina faticosa e perfetta che la costringe a cicli. Dal 2 al 4 marzo al Teatro Il Celebrazioni di Bologna. Info: www.teatrocelebrazioni.it


Al marchè dal cuntadéin

All’insegna di qualità, affidabilità e naturalità dei prodotti si rinnova il mercato contadino di Sant’Agata Bolognese, appuntamento in calendario domenica 4 marzo, dalle ore 9 alle 13, nelle vie del centro storico. Il mercato è il punto di incontro di produttori e consumatori, nel contesto della tendenza di conquistare il contatto con il contadino. Info: www.comune.santagatabolognese.bo.it

 


In Sala Borsa

Un calendario di visite guidate in compagnia di un bibliotecario alla scoperta degli scavi archeologici sotto la Piazza Coperta di Sala Borsa a Bologna: i resti della basilica di Bononia, le fondamenta delle case medievali dell’area di palazzo d’Accursio e le vestigia dell’Orto Botanico del naturalista Ulisse Aldrovandi. Cinque appuntamenti a marzo. Info: www.bibliotecasalaborsa.it


Una città da sballo

BolognadaSballo è un percorso con il buon vecchio walkman che diventa moderna macchina del tempo, guidando bolognesi e turisti per le vie del centro storico. Un racconto itinerante in cui la Bologna di un tempo prende vita svelando particolari nascosti tra arte musica e storia. Ritirato il walkman viene indicato il luogo di partenza del percorso. Info: www.bolognadasballo.it


Come arrivare a Castel Maggiore

Da Bologna: da Porta Galliera imboccare la Via Ferrarese, proseguire lungo la SS 64 e in prossimità di Corticella svoltare a sinistra. All’incrocio con via Stendhal svoltare a destra fino a destinazione.

2018-02-27T15:13:04+00:00Argomento: INTRATTENIMENTO|Speciale |