Eventi IV

Saranno mesi scatenati
per Giusy Ferreri

Non solo per la sua “Amore e Capoeira”

Dopo l’estate col pancione, la prima estate da mamma. Beatrice, la sua prima figlia, è nata lo scorso settembre e, oggi, per la cantante Giusy Ferreri si profila una stagione calda e parecchio movimentata. Non solo per “Amore e Capoeira”. La cantante, infatti, che ci sta già facendo ballare al ritmo scatenato della nuova hit del duo «tormentoni» Takagi & Ketra, si dividerà nei prossimi mesi tra i concerti del suo “Girotondo Live” e lo studio di registrazione. Dopo diverse esperienze musicali con svariate band e come solista, Giusy ha raggiunto la notorietà nel 2008 classificandosi seconda alla prima edizione di X Factor. Nella sua carriera ha ottenuto dei riconoscimenti quali un Premio Videoclip Italiano, un Premio Lunezia, un Sanremo Hit Award, due Venice Music Awards, cinque Wind Music Awards e il premio internazionale European Border Breakers Awards.


Con lei ancora Takagi e Ketra

Le menti e i produttori di “Amore e Capoeira” (oltre che di alcuni dei tormentoni estivi più forti degli ultimi anni) sono Takagi e Ketra (all’anagrafe Alessandro Merli e Fabio Clemente). Il brano è un futuristico “Baile do Favela”, il ritmo brasiliano partito dai sobborghi di Rio e Sao Paulo che sta spopolando in tutto il mondo, accompagnato da una melodia “killer” cantata dall’inconfondibile voce di Giusy Ferreri e con la collaborazione del cantante Sean Kingston. Non è la prima volta che Takagi & Ketra collaborano con Giusy: nel 2015 i tre hanno realizzato la hit “Roma-Bangkok” insieme a Baby K.


“Quasi una leggenda”:
ecco Shel Shapiro


 

Il concerto “racconta” 50 anni di musica

Vi sarà anche Shel Shapiro tra coloro che prenderanno parte alla Notte Rosa: il cantante e attore britannico, naturalizzato italiano, sarà ospite sul palco di Cattolica in piazza Mercato sabato 7 luglio per una serata davvero da non perdere e pronta a garantire grandi emozioni.

Uno spettacolo-concerto che racconterà più di cinquant’anni di musica, partendo da Nashville fino a Londra passando per Amburgo, Roma e per tutta l’Italia.

La gavetta, le tante difficoltà incontrate ma anche le gioie di un ragazzino cresciuto con la passione per la musica che, seppur con fatica, è riuscito a fare proprio della musica la sua professione. Insomma una serata particolarmente intensa, dedicata a tutti coloro che negli anni hanno seguito sempre con affetto l’artista inglese che ha sempre avuto una predilezione per il nostro paese.

“Quasi una Leggenda” è il titolo della serata a lui dedicata: una leggenda che è riuscita a segnare intere generazioni.


Con i Rokes il grande esordio

Prima di intraprendere la carriera da solista, She Shapiro ha mosso i suoi primi passi nel mondo della musica con il suo gruppo, gli Shel Carson Combo. Era il 1963, la band cambia nome diventando The Rokes e accompagna Rita Pavone nel suo spettacolo Gian Burrasca. Nei primi anni Sessanta, il gruppo capitanato da Shel Shapiro raggiunge grande successo anche in Italia, vendendo più di 5 milioni di dischi e contendendo all’Equipe 84 e ai Camaleonti il titolo di principale band del beat italiano. Dopo il periodo di grande successo, la band di scioglie però qualche anno dopo, nel 1970. Per Shel Shapiro comincia la carriera da solista, per inseguire il sogno di vivere di musica.


Remo Anzovino sulla spiaggia di Rimini


 

E’ autore di numerose colonne sonore

Nella lista di nomi prestigiosi all’interno del programma c’è anche quello di Remo Anzovino.
Compositore e pianista (per quanto i talenti di Anzovino vadano anche oltre la musica: è, infatti, anche avvocato penalista), è noto per essere autore di numerose colonne sonore per documentari, spot tv e per grandi capolavori del cinema muto.
I suoi brani sono stati selezionati, tra gli altri, dal cantautore Simone Cristicchi per il documentario “Dall’altra parte del cancello” e da alcune importanti trasmissioni di livello nazionale, come “Ballarò” di Rai 3 e “Otto e mezzo” di La 7. Si è già esibito sui più importanti palcoscenici d’Italia: dall’Auditorium Parco della Musica di Roma all’Arena di Verona.


La bellezza si mostra

Città, borghi e castelli della Romagna

Castelli e i borghi della Romagna, illuminati di rosa, vi aspettano venerdì 6 luglio, per regalarvi l’emozionante visione dello spettacolo dei fuochi d’artificio della Riviera, dai loro suggestivi balconi. Sotto i riflettori rosa, fino all’8 luglio, fanno mostra di sé i luoghi e i monumenti simbolo delle città di Rimini, Ferrara, Ravenna, e i borghi di Cento, Codigoro, Fiscaglia, Mesola, Bertinoro e Fratta Terme. Anche l’artusiana Forlimpopoli si tinge di rosa, così come Predappio e San Giovanni in Marignano che festeggia con una mostra i “Trent’Anni di Streghe”. Rosa anche Poggio Torriana, dal Campanile all’”L’Albero dell’Acqua” di Tonino Guerra e la Rocca di Verucchio, che brinda al capodanno dell’estate nell’imponente rocca Malatestiana!


Vivi in rosa

Gentilezza, accoglienza e voglia di fare festa

E’ una “crew” molto variegata quella che compare nel manifesto della Notte rosa. Dalla nonnina all’hipster, ma tutti contrassegnati da un tocco “rosa”, segno della gentilezza, della festa, dell’incontro, dell’empatia, del candore di voler essere notati per divertire e divertirsi. Tutti insieme in una notte davvero magica.

2018-07-02T12:27:09+00:00 Argomento: INTRATTENIMENTO|Speciale |