The Kennedy Years: a Palazzo Belloni
la storia della coppia presidenziale

In 320 fotografie, lettere, articoli e oggetti iconici si raccontano John e Jackie

Fino al 5 maggio ci si potrà immergere nelle emozionanti e nostalgiche atmosfere del sogno americano, sfogliando le pagine di una delle love story più affascinanti di sempre: quella tra Jacqueline Lee Bouvier e John Fitzgerald Kennedy. A 65 anni dal sigillo di questa iconica unione – spezzata nel 1963 dall’omicidio di John F. Kennedy – la coppia viene omaggiata a Palazzo Belloni con la mostra “The Kennedy Years”. Il percorso è curato da uno dei più importanti biografi della famiglia, Frédéric Lecomte-Dieu. Nelle storiche sale di Palazzo Belloni, si snoda il racconto formato da frammenti indimenticabili impressi su 320 fotografie provenienti dagli archivi Kennedy. La mostra è realizzata grazie alla collaborazione con il JFK Museum di Boston e sarà, inoltre, arricchita da alcuni oggetti iconici, tra i quali spiccano l’originale sedia a dondolo di John F. Kennedy e la fedele riproduzione del vestito da sposa della First Lady, firmato da Ann Lowe. Gli appassionati potranno leggere alcune lettere originali scritte e autografate dai due protagonisti della storia. Infine, sarà esposta una selezione di articoli, custoditi nell’archivio de il Resto del Carlino, che accompagneranno il visitatore lungo la linea del tempo di un periodo storico indimenticabile. Orari: da mercoledì a domenica 11-20 (lunedì e martedì visita riservata a gruppi e scuole); Prezzi Biglietto: Intero: 10 Euro – Ridotto: 8 Euro. Aperture straordinarie: 25 – 29 – 30 Aprile – 1 Maggio sempre con orario continuato, dalle 11 alle 20.Info: www.agenda.comune.bologna.it/cultura/the-kennedy-years


EX AFRICA

Storie ed identità di un’arte universale

Il Museo Civico Antologico ospita – fino all’8 Settembre – una mostra per raccontare come si intrecciano vicende africane ed europee dall’antichità a oggi attraverso “storie” d’arte, di identità, di viaggi e di incontri partendo dalle cronache dei viaggi e dei primi contatti tra europei e africani. Un’esposizione articolata in più sezioni: dalla qualità formale espressa in opere di grande e piccola dimensione, agli oggetti antichi dei celebri regni africani insieme alle maschere, alle figure rituali e di potere. Non una mostra etnografica bensì una grande esposizione che supera la dicotomia generalista/specialistica, puntando a raccontare storie d’arte, di identità, di potere, di sacralità, di incontri e dialoghi.Info: www.mostrafrica.it


FIGURE FEMMINILI

Mimì Quilici Buzzacchi: in mostra
al Museo Magi fino a maggio

Una figura di grande temperamento e capacità, una donna che ha saputo imporsi sulla scena culturale italiana negli anni cruciali del ‘900: la mostra al Museo MAGI 900 approfondisce il particolare periodo della produzione artistica di Mimì Quilici Buzzacchi, caso esemplare di talento e determinazione nel seguire la propria ispirazione artistica. Info: www.magi900.com


HIGHLIGHTS

La prima volta di Rottenberg in Italia
Al MAMbo una sua esposizione personale

Fino al 19 maggio, il MAMbo di Bologna ospita la prima personale in un’istituzione museale italiana di Mika Rottenberg. La sua ricerca mette in evidenza temi come le disuguaglianze causate dall’attuale modello economico dominante e la fragilità del corpo umano. In occasione della mostra vengono esposti tre nuovi lavori. Info: www.mambo-bologna.org